stai a legge...
Vita da Boosta

ANCORA QUATTR’ANNI E NE USCIMO FORI

 Mercoledì a e quattro der mattino, ar risvejo da sonni inquieti, me so’ trovata che dovevo anna’ ar gabbinetto. Allora faccio na cosa pianopiano, scendo daa branda soppalcata, entro, me chiudo a chiave, me siedo sua tazza, opero, me riarzo, tiro o sciacquone, poi giro ‘a chiave e ‘a chiave nun se gira. E ‘a porta nun se apre.

–         A PA’, strillo. Capirai, casa nostra è uno pe’ uno, me dovrebbe senti’.
–         CHE D’E’?
–         So’ rimasta chiusa dentro.
–         ‘A CHIAVE L’HAI GIRATA SI?
–         Eh. È ‘a seratura che s’è rotta. È rimasta dentro.
–         E IO CHE TE POSSO FA?
–         Boh. Aprilla?
–         EH, MA STA PORTA E’ TOSTA, CE VOLE QUARCUNO. ASPE’, VADO A CERCA’ N’ATTREZZO, QUARCOSA. 

Passa mezz’ora e nun se rifa’ vivo. C’ho lo SMARTFON in tasca, na vera qualcosista nun lo molla mai, pure ar cesso. Metti che nun c’hai n COSMONOLITAN a portata de mano.
Chiamo Marusca.

–         CE LO SAI DOVE DEVI ANNA’ CHE SO’ E CINQUE VE?
–         Ce sto già Maru’. Sto chiusa ar cesso, s’è scassata a porta.
–         ‘A CHIAVE L’HAI GIRATA SI?
–         Se.
–         BOH. CHIAMA ‘A GUARDIA MEDICA.
–         E che ce faccio?
–         GNENTE, MA A QUEST’ORA STANNO SVEJI, AR LIMITE CE FAI DU CHIACCHIERE.  

Cerco su internet. Trovo n sito, TEAPROPURELANIMA PUNTO IT, dove co na certa sicurezza de sé dicono che so’ ACCA VENTIQUATTRO e che ‘e porte quanno arivano loro je pija er cacotto e se aprono da sole.
Chiamo. Me risponne ‘na donna pure mezza infastidita. Pare che sta ‘n mezzo ar traffico, che dietro se sente ‘na caciara de machine.

–         CHI E’? CHE VOLETE?
–         Er fabbro. Sto chiusa dentro ar bagno.
–         ‘A CHIAVE L’HAI GIRATA SI?
–         Nun gira.Che me fa veni’ ‘n fabbro?
–         EH, MA MICA LO SO SE PO’ PASSA’.
–         Ma n’è ACCAVENTIQUATTRO?
–         SI MA MICA E’ PIU’ N REGAZZINO CHE SE ARZA E PIOTTA DE NOTTE, EH.
–         Vabbe’ ma io che faccio?
–         ASPE’.

Se sente che chiama da ‘na parte.
–         STA A VENI’ EH. MA I SORDI CELLAI, SI? VABBE’ POI TAA VEDI CO LUI. CIA’.
Riattacca. Io nun so che fa’, me siedo sur tappetino e me metto a fa’ MURTITASCHING perché io stavo a dormi’, ma er monno sta svejo e chissà che fa.
Na quarcosista nun po sta’ fori dar monno, pure quanno sta rinchiusa ar cesso.
Stanno tutti appresso alle elezzioni n’Ammerica. Me sento meno sola, a sape’ che in America ce sta tanta gente chiusa ‘n cabbina come me che sogna ‘n mondo mijore.
Vince uno, vince n’antro, nun je sta dietro manco o SMARTFON. Fai RIFRESC un secondo. Attendi n’atomo, prego. Gnente, fai ‘n favore, ripassa va’. Che fa er UAIOMING too dico dopo.
E chi se move.

–         AOH.
–         Chi è?
–         ER FABBRO. SEI TE CHE STAI CHIUSA AR CESSO?
–         Hai vinto bene. Ma che t’ha aperto mi’padre?
–         NO, HO SFONNATO ‘A PORTA DE CASA. ME PAREVA N’EMERGENZA.
Ar Colorado intanto vince Obbama, er TECSAS che te lo dico a fa’ chi vince.
–         QUESTA NUN SE APRE. SENTI, ‘NA COSA.
–         Eh.
–         PROVA N PO’ A GIRA’ LA CHIAVE.
–         Daje. Nun se gira, si no nun stavi qua.
–         ‘N CACCIAVITE CELLAI? NA VITE?
–         Te posso da’ n TAMPACS, guarda.
–         VABBE’ SENTI, FAI NA COSA. SCANZATE. 

Me scanzo. Pe pura casualità me casca l’occhio su ‘o SMARTFON. Faccio RIFRESC e scopro che l’ammericani nee cabbine hanno fatto rivince Obbama.
In quer preciso momento, er fabbro entra ner bagno cottutta ‘a porta.

–         CO’ STO SISTEMA NUN SGARO MAI. DAJE SEI LIBBERA. CHE TE SEI MESSA PAURA?
–         No, me stavo a vede’ l’elezzioni su internet.
–         ANVEDI GAJARDO. OH GUARDA CHE E’ IMPORTANTE CHI VINCE EH? QUELLI CIANNO ‘N MANO L’ECONOMIA MONDIALE. QUELLO CHE SUCCEDE LA’ SE RIPERCOTE PURE DE QUA, CHE TE CREDI? VABBE’ SO’ CENTOQUARANTA EURI. 

Sento dei passi na cifra famijari, poi na voce artrettanto famijare.
–         AOH! CHE CAZZO STA A SUCCEDE QUI?
Mi’ padre ariva da camera sua, ‘n canottiera mutanne e ciavatte. Co lui ce sta una.
Er fabbro se tira su er cappelletto.
–         A ELIDE, TE QUA STAI?
–         ANVEDI, STAVA QUA A SFIGATA CHIUSA NER CESSO?, je risponne lei.
–         PIASCERE, DUILIO, taja corto mi’padre.
–         MACCARELLI DUCCIO, PIASCERE. A SIGNORA MIA A CONOSCE GIA’. EH, NUN SE LAVORA PIU’. PURE DE NOTTE ME SO RESO REPERIBBILE, MA MICA CAPITA SEMPRE NA SOGGETTA COME TU FIJA. PE FORTUNA MI’MOJE S’E’ MESSA ‘N PROPRIO.

Pija na carcolatricetta e se mette a conta’.
–         VABBE’ GNENTE. ALLORA, A ELIDE JE DEVI DA’ NA PIOTTA, PE’ AA PORTA SO’ CENTOQUARANTA, VABBE’ FAMO CHE ME DAI NA PIOTTA E MEZZO, PE STAVORTA È ANNATA COSÌ.
Mi’padre cala i sordi senza ‘na parola, poi li guarda mentre se ne vanno. ‘A porta manco je l’apre, tanto è sfonnata pure quella. – TRA ‘N PAR D’ORE PASSA ‘N BOTTEGA CHE TE GIRO DU SERATURE, NUN COSTANO TANTO, je dice Duccio.

Io e mi’ padre se guardamo.
–         A pa’, scusa eh.
–         QUANTO CAZZO ME COSTI, FIJA MIA.
Pija e torna a letto.

I probblemi so’ sempre li stessi, li sapemo tutti. Basta n’intoppo, ‘na disgrazia qualunque, e nun t’abbastano li sordi pe ariva’ a fine mese. E manco è er dieci.
Pe usci’ da situazzioni simili ce vo’ tempo. Pure l’economia, prima che l’ammericani ‘a risistemano ce vorà ‘n pochetto.
Quattr’anni nun so’ bastati, forse tra altri quattro riuscimo pure a anna’ ar cesso senza fasse troppe paranoie.

Ve stimo na cifra,
Boosta Pazzesca

 

.

Advertisements

Informazioni su boostapazzesca

Ciò ventiquattranni e sto de casa ar laurentino pittrentotto, er quartiere de periferia de Roma che ce so’ nata e cresciuta. A famme accetta’ dall’altri ciò provato tanto, ma gnoo fatta. Er probblema è che so npo’ gnorante, a scola nun so’ mai annata bene, e so’ pure bruttarella forte. ‘Na BUSTA, come dicheno da e parti mie. Allora, siccome che per me l’importante so’ i valori, me so’ messa ‘na busta ‘ntesta, e ora ‘na cifra de ggente me segue su FEISBUC. So qualcosista fri lance. Provo a fa’ qualunque cosa pe’ diventa’ qualcosa. Pe’ provacce ce provo, pe’ non riuscicce nun ce riesco. Ve parlo ‘n romanesco che è lunica lingua che penzo de sape’, ma so’ sicura che me capirete pure a Boosto Arsizzio.

Discussione

9 pensieri su “ANCORA QUATTR’ANNI E NE USCIMO FORI

  1. E’ più pragmatico l’idraulico che er presidente… e te viè pure incontro!

    Pubblicato da Emma | 8 novembre 2012, 15:37
  2. Tesò, scusa tanto ma il fidanzato mio fa l’infissista cioè, te spiego…è un esperto di porte, finestre e serrature. L’altro giorno la mia vicina di casa, na ragazza parecchio gaya, era rimasta fuori chiusa di casa, portone stra blindato etc etc…era disperata. Il mio raga dice “ce penso io”, e con una spatolina ha armeggiato due secondi e l’ha aperta. Ora, mi piace che lui sia er mago del seramento, ma me coje una paranoia: nun è che poi ce pija gusto e va ad apri tutte le porte delle ragazze gaye??? Mi sa che sto commento andava meglio per la Boosty der core…mmmuahahahahah ciao cara…te stimo.

    Pubblicato da Clara Bartoletti | 8 novembre 2012, 15:37
  3. Reblogged this on LunAnkara and commented:
    Boosta è semplicemente geniale.

    Pubblicato da emaleth87 | 9 novembre 2012, 15:37
  4. Stanno tutti appresso alle elezzioni n’Ammerica. Me sento meno sola, a sape’ che in America ce sta tanta gente chiusa ‘n cabbina come me che sogna ‘n mondo mijore.

    Meravigliosa!!!

    Pubblicato da anna preims borgese | 9 novembre 2012, 15:37
  5. Me sei piaciuta na cifra! Me mancavi proprio aho! Mo’ nte fa aspetta’ tanto pe’ riaffacciatte e….m’ariccomanno, nun anna’ ar cesso mentre tu padre c’a da fa’!

    Pubblicato da Paolo | 9 novembre 2012, 15:37
  6. “Un analisi lucida e dettagliata dell’intera vicenda americana, screziata di vena satirica ma con il garbo tipico delle menti illuminate!”… a boo..me sò mpressionata da sola..di che sei geniale è popio poco poco…bella boo….te rispetto e te stimo un par de cifre..in euri, dollari e ppure lire…

    Pubblicato da dabobabo | 9 novembre 2012, 15:37
  7. Lo voi un consijo? Fa ‘n cartello co scritto occupato e mettilo de fori. Se non te chiudevi a chiave avevi risparmiate 140 euri. Ma a parlà dopo so bbbono pur’io. ciao Boo.

    Pubblicato da Simone Corami | 10 novembre 2012, 15:37
  8. 6.2.13 leggo solo oggi. m’e’ piaciuto na cifra !

    Pubblicato da Alberto Levy | 8 febbraio 2013, 15:37

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

piazza qua a MEIL tua si voi l'aggiornamenti mia direttamente pe posta

BlogItalia - La directory italiana dei blog
modificare foto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: