ar chivi

marusca

Questo tag è associato a 36 articoli.

L’IMPORTANZA DE ESSE GIUSY

Siccome nella vita li valori so’ importanti ma ‘a precedente ministra n’anno fa s’è raccomannata che tocca pure esse GIUSY, io e Sharon l’altro giorno stavamo ‘n fila dall’arba davanti a ‘n negozio der centro. Ma no pe i saldi, eh. A corpa è stata mia, che Sharon era sparita da quando EL RAFAEL j’aveva … Continua a leggere

ER SAPORE DAA VITTORIA

Er mare meno blu, l’ombrelloni aumentati de du’ euri, ‘a cellulite che avanza ma er tanga che nun aretra, so’ questi i probblemi seri. Avecceli. Invece siccome io sto ar verde, Marusca parte er primo d’agosto co Gerlando e Sharon sta nun se sa dove co EL RAFAEL, tocca ‘nventasse quarcosa se nun voi fa’ … Continua a leggere

THE ROYAL PACCO – ER PARTO DE SHARON

So’ quei momenti che sai che deve succede quarcosa, per esempio Sharon ha scaduto er periodo e er bambino deve nasce. Dopo tre giorni che ‘e doje nun arivavano, amo detto vabbe’ famose ‘n giro da INSERT COIN a San Giovanni che te distrai. Ovviamente, manco semo entrate che a Sharon j’è preso ‘n mar … Continua a leggere

LAIV AR CONCLEIV

Stavo n’attimo a mette a posto ‘n casa, che sonano alla porta. Apro e me trovo uno vestito tarmente male che je dico – Scusa, nun c’ho spicci.  –         NO, IO CAPARRA GIA’ DATA. IO KLAUS, PELLEGRINO. FENGO PER STANZA. Ariva mi’ padre. –         ECCHIME, ECCHIME. A BOO, LIBBERA A BRANDA, AMO AFFITTATO. Er pellegrino … Continua a leggere

ER CONCERTO DE PRIMA DE MAGGIO

L’artra mattina stavo co’ sharon a aspetta’ er bus che ce doveva porta’ a… – A Sha’, ma poi dov’è che stamo a anna’? – A FACCE LI MASSAGGI DE BELLEZZA DA QUELLI CHE C’HANNO A CONVENZIONE CO GRUPPON. HO PIJATO ER PACCHETTO SAN VALENTINO AI SARDI. VAI IN DUE, E PAGA UNO. A STO … Continua a leggere

A PROFEZZIA DE GAIA

Ce so’ momenti nella vita che te ritrovi a fa’ er bilancio, un CONSUNTINO de quello che sei, ando’ stai, e perché lo fai, disperata pischella mia. A novità è che quest’anno o fai prima de Natale e subbito dopo er pagamento dell’IMU, perché er ventuno li MAIA ce se bevono e nun è detto … Continua a leggere

ANCORA QUATTR’ANNI E NE USCIMO FORI

 Mercoledì a e quattro der mattino, ar risvejo da sonni inquieti, me so’ trovata che dovevo anna’ ar gabbinetto. Allora faccio na cosa pianopiano, scendo daa branda soppalcata, entro, me chiudo a chiave, me siedo sua tazza, opero, me riarzo, tiro o sciacquone, poi giro ‘a chiave e ‘a chiave nun se gira. E ‘a … Continua a leggere

ALLOUIN: CENTO CORPI DE FRUSTA PRIMA DE ANNA’ A VEDE’ TUAILAIT

 A notte de ALLOUIN è na ricorenza seria. Pe l’occasione io, Sharon e Marusca stamo stipate naa SMART de Marusca che se la guida disinvolta, acchittate da VURTURE co tanto de cipria n faccia. Li VURTURI, pe chi ar cimena va a fa’ er fino intellettualo e nun se fila de pezza e storie co … Continua a leggere

CLEOPATRA PIOVUTA DAR CIELO

 ARIVA CLEOPATRA. COPRITEVE. CHIUDETEVE. BEVETEVE NA COSA CALLA. PIJATE N BER RESPIRO CHE PO ESSE CHE SE STA’ N POCHETTO N’APNEA. SI TE CAPITA DE TROVA’ N’ANZIANO ALLA DERIVA PIJALO AR VOLO CHE NOI ARIVAMO SUBBITO, ER TEMPO DE GONFIA’ ER CANOTTO.  –          a protezziona civila  Capirai, te leggi sta cosa e te preoccupi, anna’ … Continua a leggere

A TERZA STAGGIONE – seconna puntata

RIASSUNTO DAA PUNTATA PRESCEDENTE: Boosta a n’esame trova quello che j’ha spezzato er core ar liceo. Però detta così fa ride, vattela a legge direttamente qua e poi torna qui e te spizzi la fine. E mo’ che faccio? O manno affanculo? Nun lo guardo e tiro avanti? Capirai, da mo’ che lo sto a … Continua a leggere

A TERZA STAGGIONE – prima puntata

Da ‘na settimana sogno sempre ‘a stessa cosa, che devo torna’ ar liceo perché all’univerzità m’hanno detto che si nun faccio ‘n modulo de recupero l’esame nun lo posso da’. Allora ariecchime ar banco coi pischelli più giovani de me de na diecina d’anni. Er prof de matematica MALLARDONI PINO che è cecato pure ‘n … Continua a leggere

QUALCHE NUVOLA – BOOSTA INTERVISTA SAVERIO DI BIAGIO E LUI SE LA FILA PURE, OH

Gnente, stavo ‘n centro e ar tipo che me camminava davanti j’è cascato quarcosa da o zainetto. Er tempo de chinamme a raccattallo e già nun ce stava più, poi come sempre è arivata na marea de giapponesi e chi o ribbecca. Dopo che me so’ ripijata dar callo e dar fiatone e da scipione, … Continua a leggere

CHI E’ BOOSTA PAZZESCA?

Ar giorno d’oggi pe esse quarcuno o pure quarcosa, che devi da esse? Che devi da fa’? Tocca appari’, spari’ o sparecchia’? Quanto costa er prezzo der vole’ esse quarcosa? ‘nzomma, e tipiche domande che te fai mentre stai a cala’ seiscento testoni a tamburella pe partescipa’ all’escrusivo UORCSCIOP DE QUARCOSISMO FRI LENZ: IMPARATI LI … Continua a leggere

A SOLITUDINE DEI NUMERI MILLESIMI

Martedì stavo co mi’padre a DISSACRA’ li massimi sistemi, perché lui nun fa gnente e nvece naa vita ce so’ momenti che te potresti pure move. –       Daje, pa’. O fanno tutti. Basta usci’ de casa, dì na cosa, na parola. –       NUN VADO DE CORPO, FIGURATE SI ME ‘NCULO A RIUNIONE DE CONDOMINIO. ANZI … Continua a leggere

IMPARA L’ARTE E METTITE A FA’ E TORTE

Mercoledì no questo, quell’artro, mentre che stavo a fa’ er tiro dei sacchi daa monnezza pe tonifica’ i bracci e purga’ casa dar quinto livello de schifo ammassato, sento ‘n TACCITUA che viene dar cassone. Me ce sporgo e ciocco uno un po’ marmesso, che sta a fruga’ naa monnezza e l’ho centrato preciso su … Continua a leggere

MA ‘NDOVE VAI, BOOSTINA ‘N BICICLETTA

Sabbato ventotto dopo magnato mi’padre guardava a tivvù come de consueto quanno è pomeriggio, quanno è sera e quanno sta ‘n casa. –         A pa’, c’avemo na bicicletta? –         NA CHE? –         A pa’ ce sta ‘a manifestazzione a li fori imperiali, t’avo pure detto. Er probblema daa mobbilità, che nun sai mai si torni … Continua a leggere

NUN PO’ PIOVERE PE SEMPRE

Che sto fine settimana nun ce stava popo n tempo de quelli memorevoli l’avo ‘nteso quanno la mattina de venerdì ho visto mi’padre a casa coll’impermeabbile che stava a fascia’ e finestre colli stracci. –         DAJE, CHE STAI A ASPETTA’ NA PAGAIA? VIEMME A DA’ NA MANO CHE A FOGNA DE FORI C’HA FATTO DE … Continua a leggere

SE STAVA MEJO QUANNO SE STAVA PEGGIO

Lunedì de pasquetta c’avevo la punta pe vedemme co Sharon e Marusca, che tipo se buttavamo ar parco a pijasse du’ raggi de sole. A punta je l’ho data direttamente ai cassonetti daa monnezza, perché mi’ padre m’aveva caricato su a schiena ‘n CAPPADUE de sacchi e sacchetti co tutti li resti der GENOCIZIO pasquale. … Continua a leggere

ER CAMBIO DE STAGGIONE

Domani è n’antro giorno, ma io l’artro giorno, come tutti l’artri giorni da ‘n mesetto a sta parte, me so’ arzata cor naso tappato e l’occhi a palla. So’ venti giorni che nun esco de casa e mica me passa, eh. –         A pa’, ma po esse che sto sempre male così? –         ARMENO NUN … Continua a leggere

L’OTTO MARZO, ER NOVE ME SIEDO

L’otto de marzo inizzia sempre co ‘n ber proposito, tipo che noi donne semo le mejo e basta co l’omini che nun ce vedono, ma siccome è n pezzo che purio nun ce vedo tanto bene so’ annata de prima matina da SARMONELLI che cià ‘r negozzio d’occhiali che te fa’ l’esame daa vista gratis. … Continua a leggere

NUN E’ L’INFERNO (MA POCO CE MANCA)

Siccome che i favori so’ sempre a bon rendere, pe ricambia’ quello dell’esame martedì ho accompagnato a Castro Pretorio Marusca, pe l’occasione acchittata in modalità pantera der ribbaltabbile. Ce stava pure Sharon a rimorchio, che nun c’aveva nessun favore da restitui’, ma manco gnent’altro da fa’. – Ma ‘nzomma, ‘ndo hai detto che annamo?, je … Continua a leggere

TU CHIAMALE SE VOI, PERCEZZIONI

Venerdì nun so’ riuscita a chiude occhio perché era ‘n mese sano che stavo a batte ‘a capoccia contro er manuale de TEORIA E TECNICA DAA DISTRUZZIONE DE MASSA UNO, e ancora nun c’avevo capito na virgola manco daa prefazzione. Er caso però voleva che l’appello ce stava er giorno stesso, che io me c’ero … Continua a leggere

ROMA ROSICA , ER TASSINARO NUN VO’ GUIDA’

‘Sto venerdì stavo alla fermata der SETTE E SETTANTASEI già da ‘n oretta, che dovevo anna’ a ROMA TRE pe spizza’ a bacheca dell’esami de febbraio. Co me ce stava Sharon, che nun cià gnente da fa’ allora ha deciso de fa’ l’artista e vo’ scrive ‘n dramma ESISTIZIALE sull’attesa, dar titolo ASPETTANNO RODO’. – … Continua a leggere

ER VENTO DELL’AVVENTO

Er natale nun è davero ‘n giorno come l’artri. ‘A ricorenza vole che magni come un bue e bevi come ‘n asinello, che fai je disci de no?. Secondariamente che poi è pure er compleanno de mi’padre, ar pranzo der ventiscinque amo fatto l’ammucchiata naa fraschetta preferita sua, ‘A STALLA DE ROMOLETTO,  entri t’appanzi e … Continua a leggere

LACRIME E SANGUE A PONTE MIRVIO

Nun è che me sentivo popo ‘n formissima. Quanno te arzi così, che nun sai che ciai, però cellai e too devi da porta’ appresso, fai finta che quarcuno v’ha già presentato, e tiri a diritto. Accenno er PICCI’ e me rileggo tutte ‘e conversazzioni che cio’ avuto su FEISBUC cor ragazzo mio, che mo’ … Continua a leggere

SI NO MO’ QUANNO, SCUSA EH? – cronaca de n pomeriggio coo SMARTFON

#1 Marusca s’è messa a truccasse ‘n metro. Voleva mettese l’EILAINER come EMI UAINAUS ma co’ a frenata all’artezza de barberini pare moiraorfei vista da picasso. ‎#2 Sto a simpatizza’ coo SMARTFON de Marusca che lei cia’ l’artigli finti e nun lo riesce a usa’, tanto ce sta tempo se semo sbajate a scenne e … Continua a leggere

NATALE COR CONO

Io e l’amiche mia l’artro giorno stavamo a via der corzo a fa’ o SCIOPPING natalizzio, che rispetto a quello normale se differisce perché è natale, pe er resto famo sempre  e stesse cose tipo anna’ da ACCESSORAIZ. A ‘sto giro dovevamo investi’ er bono acquisto de Marusca che janno fatto i suoi pe er … Continua a leggere

A CADUTA DAA BORZA

Sabbato stavo a passa’ da ‘e parti de via Giuliotti, er tempo era ‘na zozzeria e penzavo: mannaggia, sto pure senza er CAIAC, mo’ me cade ‘ntesta de tutto. Manco che l’ho finito de di’, che me centra quarcosa su ‘a capoccia.No ‘na grandine, eh, ‘na borza. Piccoletta ma tosta, che si te mportunano sur … Continua a leggere

IES, UI CHEMP

L’artra mattina me so’ svejata, se, bella ci’. Ciavevo ‘na schiena che me pareva d’ave’ dormito sui sassi, e ‘nfatti c’avevo dormito pe davero. A tenda è piena de robba mia, nun m’è rimasto manco ‘n par de mutande sano. AOH! Sento grida’ Sharon e Marusca da fori, HAI FINITO DE FA’ ER CHEMPING SI? … Continua a leggere

SO’ FINITE ‘E FESTE

Domenica mi padre guardava er tiggi’ che parlava daa sirte, mentre che lui ‘mprecava ‘a sorte. PORACCI, PENZA COME SE MORONO DE FAME PER CORPA DE QUER DELINCUENTE. A pa’, sei na cifra umanitario. A CASA NCIAVEMO PIU’ UN CAZZO DA MAGNA’, TOCCA ANNA’ A FA’ A SPESA SI NO FAMO ‘A FINE LORO. A … Continua a leggere

ER NOME DELLA COSA

Sabbato stavo co’ Sharon e Marusca su li gradini der palazzo de casa. A BOO, dice Marusca, ROMEO E GIULIANA DE SCECSPIR TOO SEI MAI LETTO TE? Quello che se amano poi morono? A casa cello’ pure, è na cifra che noo vedo però. IO NUN HO CAPITO QUANNO DISCE CHE QUELLA CHE CHIAMAMO ROSA … Continua a leggere

FAI ‘A COSA BOOSTA

O scorso uichend c’aveva scritto ‘n faccia che se io, Sharon e Marusca nun uscivamo fori de casa eravamo popo tre deficenti. Io e Sharon se presentamio de DEFORT davanti a casetta bella de Marusca co sandaletto e asciugamano. ANNATECE VOI A LI CANCELLI, A COATTE, IO ME SCOLLO DA ‘STO CEMENTO E CORO A … Continua a leggere

L’AMICA DE PENA

Da na cifra de giorni, internet de casa marca visita. Devesse a cenzura dell’AGIPCOM, che prima t’aumenta a benza, poi te SCURA a rete senza che manco poi protesta’. DAPAURA, COSI’ SCHIODI, CHE DEVE VENI A STUCCATRICE PE LI BUCHI DEE PARETI. A pa’ce stanno sessantagradi, ndo’ vado? NUN TE POI SBAJA’, UGUALE ANDO T’HO … Continua a leggere

E GUERIERE DE CARACALLA

Sabbato mipadre stava fomentato‘n salotto a vedesse er firme de que quattro coattelli che sazzuffano ‘na nottata sana perche tutti je vonno fa ‘a pelle. Pe famme senti’ devo da grida’ più forte de loro. A pa’, esco co Sharon e Marusca. TU FAI SOLO PARTE DE QUELLO CHE ME CAPITATO STANOTTE, TUTTA MERDA. Ce … Continua a leggere

IO NUN SO’ LEGGENDA

Sabbatopomeriggio mi padre ancora n’ sera arzato. A na certa pensavo che era morto, ma puzzava come de consueto e allora me so’ rassicurata. Me so’ messa a legge n’ libbro che ho trovato su ‘na bancarella, co’ uno che de giorno va ‘ngiro da solo e de notte se deve da chiude ‘n casa … Continua a leggere

UNA BOOSTA ALLE POOSTE

Lartra mattina stavo a studia’ lesame de antropofaggia curturale. È ‘n ber mattone, jo dato ‘na scorza. Dovrebbe da tratta’dell’omini che se magnano altri omini, ma seconna dove stai ‘o fanno diverzamente. Siccome che su GUGOL alla voce “antropofaggia curturale” nun risurtava gnente, me sò messa a legge’ der battero assassino che mo’ nun viene … Continua a leggere

piazza qua a MEIL tua si voi l'aggiornamenti mia direttamente pe posta

BlogItalia - La directory italiana dei blog
modificare foto