ar chivi

Duilio

Questo tag è associato a 13 articoli.

NUN TE RESTA CHE MAGNA’

Siccome che so’ ‘na frilenz quarcosista prossima alla povertà immediata e inabbile a riceve ‘na quarsivoja penzione, da quarche tempo c’ho l’OBBIT de invia’ curicula ‘ndo cojo cojo durante er mio prezzioso tempo libero. Er monno è bello pure perché a ‘na certa me ariva ‘sta mail: da: meil@cacioparmiggiano.it oggetto: RE: CHE PER CASO VE SERVE … Continua a leggere

LAIV AR CONCLEIV

Stavo n’attimo a mette a posto ‘n casa, che sonano alla porta. Apro e me trovo uno vestito tarmente male che je dico – Scusa, nun c’ho spicci.  –         NO, IO CAPARRA GIA’ DATA. IO KLAUS, PELLEGRINO. FENGO PER STANZA. Ariva mi’ padre. –         ECCHIME, ECCHIME. A BOO, LIBBERA A BRANDA, AMO AFFITTATO. Er pellegrino … Continua a leggere

ANCORA QUATTR’ANNI E NE USCIMO FORI

 Mercoledì a e quattro der mattino, ar risvejo da sonni inquieti, me so’ trovata che dovevo anna’ ar gabbinetto. Allora faccio na cosa pianopiano, scendo daa branda soppalcata, entro, me chiudo a chiave, me siedo sua tazza, opero, me riarzo, tiro o sciacquone, poi giro ‘a chiave e ‘a chiave nun se gira. E ‘a … Continua a leggere

A TERZA STAGGIONE – seconna puntata

RIASSUNTO DAA PUNTATA PRESCEDENTE: Boosta a n’esame trova quello che j’ha spezzato er core ar liceo. Però detta così fa ride, vattela a legge direttamente qua e poi torna qui e te spizzi la fine. E mo’ che faccio? O manno affanculo? Nun lo guardo e tiro avanti? Capirai, da mo’ che lo sto a … Continua a leggere

A SOLITUDINE DEI NUMERI MILLESIMI

Martedì stavo co mi’padre a DISSACRA’ li massimi sistemi, perché lui nun fa gnente e nvece naa vita ce so’ momenti che te potresti pure move. –       Daje, pa’. O fanno tutti. Basta usci’ de casa, dì na cosa, na parola. –       NUN VADO DE CORPO, FIGURATE SI ME ‘NCULO A RIUNIONE DE CONDOMINIO. ANZI … Continua a leggere

MA ‘NDOVE VAI, BOOSTINA ‘N BICICLETTA

Sabbato ventotto dopo magnato mi’padre guardava a tivvù come de consueto quanno è pomeriggio, quanno è sera e quanno sta ‘n casa. –         A pa’, c’avemo na bicicletta? –         NA CHE? –         A pa’ ce sta ‘a manifestazzione a li fori imperiali, t’avo pure detto. Er probblema daa mobbilità, che nun sai mai si torni … Continua a leggere

NUN PO’ PIOVERE PE SEMPRE

Che sto fine settimana nun ce stava popo n tempo de quelli memorevoli l’avo ‘nteso quanno la mattina de venerdì ho visto mi’padre a casa coll’impermeabbile che stava a fascia’ e finestre colli stracci. –         DAJE, CHE STAI A ASPETTA’ NA PAGAIA? VIEMME A DA’ NA MANO CHE A FOGNA DE FORI C’HA FATTO DE … Continua a leggere

SE STAVA MEJO QUANNO SE STAVA PEGGIO

Lunedì de pasquetta c’avevo la punta pe vedemme co Sharon e Marusca, che tipo se buttavamo ar parco a pijasse du’ raggi de sole. A punta je l’ho data direttamente ai cassonetti daa monnezza, perché mi’ padre m’aveva caricato su a schiena ‘n CAPPADUE de sacchi e sacchetti co tutti li resti der GENOCIZIO pasquale. … Continua a leggere

ER CAMBIO DE STAGGIONE

Domani è n’antro giorno, ma io l’artro giorno, come tutti l’artri giorni da ‘n mesetto a sta parte, me so’ arzata cor naso tappato e l’occhi a palla. So’ venti giorni che nun esco de casa e mica me passa, eh. –         A pa’, ma po esse che sto sempre male così? –         ARMENO NUN … Continua a leggere

L’OTTO MARZO, ER NOVE ME SIEDO

L’otto de marzo inizzia sempre co ‘n ber proposito, tipo che noi donne semo le mejo e basta co l’omini che nun ce vedono, ma siccome è n pezzo che purio nun ce vedo tanto bene so’ annata de prima matina da SARMONELLI che cià ‘r negozzio d’occhiali che te fa’ l’esame daa vista gratis. … Continua a leggere

ER VENTO DELL’AVVENTO

Er natale nun è davero ‘n giorno come l’artri. ‘A ricorenza vole che magni come un bue e bevi come ‘n asinello, che fai je disci de no?. Secondariamente che poi è pure er compleanno de mi’padre, ar pranzo der ventiscinque amo fatto l’ammucchiata naa fraschetta preferita sua, ‘A STALLA DE ROMOLETTO,  entri t’appanzi e … Continua a leggere

ER NOME DELLA COSA

Sabbato stavo co’ Sharon e Marusca su li gradini der palazzo de casa. A BOO, dice Marusca, ROMEO E GIULIANA DE SCECSPIR TOO SEI MAI LETTO TE? Quello che se amano poi morono? A casa cello’ pure, è na cifra che noo vedo però. IO NUN HO CAPITO QUANNO DISCE CHE QUELLA CHE CHIAMAMO ROSA … Continua a leggere

O CHIAMEREMO REMO

Siccome volevo sape’ a storia de come è nato er Laurentino Pittrentotto, me so messa a legge a storia de Roma. A pija larghetta, perché ncomincia da Romolo e Remo, ma a me le cose me piace de sapelle dall’inizzio.   AOH ME PARI N CUBBO. MA ‘NTE VERGOGNI? Mipadre ce tiene alla forma fisica. … Continua a leggere

piazza qua a MEIL tua si voi l'aggiornamenti mia direttamente pe posta

BlogItalia - La directory italiana dei blog
modificare foto