stai a legge...
Vita da Boosta

NUN TE RESTA CHE MAGNA’

Dirtyboosting5

Siccome che so’ ‘na frilenz quarcosista prossima alla povertà immediata e inabbile a riceve ‘na quarsivoja penzione, da quarche tempo c’ho l’OBBIT de invia’ curicula ‘ndo cojo cojo durante er mio prezzioso tempo libero. Er monno è bello pure perché a ‘na certa me ariva ‘sta mail:

da: meil@cacioparmiggiano.it
oggetto: RE: CHE PER CASO VE SERVE QUARCUNO?

Buongiorno BOOSTA,
abbiamo esaminato il curriculum con grande attenzione. Complimenti! Sei davvero la
poraccia persona che fa al caso nostro. Ti troverai bene con noi!
BENVENUTA NELLA FAMIGLIA DI CACIOPARMIGGIANO!!!
Il tuo tirocigno stagsc aggratise a tempo indeterminato può iniziare sin da oggi! Tanto, che devi da fa’?
C’avemo un buco nelle prossime uscite, che mica ce potresti anna’ stasera e mettece ‘na pezza? Saresti come er cacio sur parmiggiano :DDD
(Segue ‘ndirizzo che nun conosco)
Ovvievormente te rimborzamo daa cena, e dalla prossima recenzione puro daa fatica che hai fatto pe’ magnalla*.

*€ 0,02 l’ora, max 3 ore a settimana, TAEG, TAN E MAO TZE TUNG 9,99% iva incompresa.

 CACIOPARMIGGIANO è la nota rivista GASTROMONICA un po’ onlain un po’ cartacea, dipende li sordi che c’hanno ‘n quer periodo. Urtimamente, siccome ce sta ‘a crisi, stanno solo su FEISBUC, tanto c’hanno li fanz. Insieme a PANZADVISOR, so’ er sito de riferimento sur UEB DUEVIRGOLAZERO de quelli che vonno anna’ a magna’ però, prima de pija’ ‘na sola memorevole e termina’ la serata incubo divorziando cor partner, se documentano e leggono ‘e recenzioni. Ce so’ ita pur’io ‘na cifra de vorte, ma so’ abbastanza sicura de nun aveje mai scritto ‘na riga manco pe sbajo. Boh, se vede che se ‘a rota gira, gira pure er MISANDERSTENDING OVESCION.

Me chiudo ar gabinetto pe’ ‘na bona quarantina de minuti, me doccio, me piastro, me faccio ‘a maschera nutriente da capo a piedi e me depilo er porpaccio. So’ all’antica, er primo giorno de lavoro pe er prestigioso MEGAZIN vojo apparire ar mejo, che puro li valori poi ce guadagnano.
Sulla porta de casa ce sta mi’padre, che lì per lì manco lo riconosco perché c’ha camicia e pantalone invece dee solite canotta e mutande e mo’ che guardo mejo c’ha pure li capelli in testa.

– A pa’, che te sei messo er tupè? ‘ndo devi anna’ oh?
– CHE ‘NCE LO SAI CHE ER PRIMO GIORNO DE LAVORO L’APPARENZA È TUTTO? DAJE ANNAMO, CHE SE STA A FA TARDI E MANCO AMO PRENOTATO.
Er dubbio me se insinua tra ‘e scapole, come se non bastasse er pusciàp novo de pacca.
– Ma che me ACHERI ‘a posta elettronica?
– AVOJA! E PURE PE ER LAVORO C’HA PENSATO PAPA’ TUO, A BOO! IO SO’ ANZIANO MA TE NO, A TE TE PIJANO. CE LO SAI CHE CE SO’ I CONTRIBBUTI EUROPEI A ‘E FEMMINE IMPRENDITORESSE, LE QUOTE ROSA, LE ALIQUOTE ROSSE, LE PALOMBELLE ROSSE, LI FEMMINICIDI E L’AU PEIR CONDICIO?
– E che c’entra?
– GNENTE. PERO’ STAVO SU GUGOL A CERCA’ STE COSE E SO’ FINITO SU DUE SITI PORNO E UNO DE RISTORANTI. HO PENSATO VABBE’, ER PORNO MOO SPIZZO DOPO, MAGARI QUA PIJANO MI’FIJA. OH POI DIMME CHE NUN TE PENSO EH.
– A pa’ ma perché te devi impiccia’ dee cose mie? O sai che so’ riservata. Ma poi dimmelo no?
– AOH MO’ TE NCAZZI PURE? SE ‘O VOI SAPE’ LI MOTIVI SO’ DUE, ER SECONNO DEI QUALI E’ CHE TE VOJO BENE.
– E er primo?
– CHE CIO’ NA FAME CHE PARONO DUE. DAJE, ‘NAMO CHE T’AIUTO A DA’ ER GIUDIZIO GLOBBALO.
Namo bene. Co mi’padre nun uscimo nzieme da anni, mai ‘n pranzo fori, mai ‘na cosa. Poèsse che è solo perché a mi’padre nun je fanno più credito? Sì, a pensacce bene, poésse.

Coi mezzi pe ariva’ c’avemo messo ‘n pochetto e te dirò, quanno arivamo ‘a lingua de fori un pochetto ce casca. Io me pensavo che come prima cosa me mannavano ‘n una bettola. Invece er posto è er leggendevole LUXURY RESTAURANT MARI E MONTI E MAGNI.
Sei stelle, quattro pallette de PACMAN e due medaje dee giovani marmotte.
È in alto, tira ‘na gianna che se me portavo ‘na ferpa era mejo, ma però se vede tutta Roma, er mare de Ostia e Capocotta e puro er Terminillo e Campo Felice.
Ce so’ posti che seconda de ‘ndo vieni, te ponno incute soggezione, questo me incute de sentimme ‘na caccola.
Mi’padre pe fortuna è navigato de esperienza, pija uno paa giacchetta e je dice
– PALLETTA DUILIO, ‘N TAVOLINETTO PE ME E MI’ FIJA, MAGARA PRIMA DE SUBBITO. GRAZZIE, EH.
Quanno stai drento capisci che nun ce so’ lavori pe tutti: er cameriere che ce serve lo chiamamo subbito dottore perché è laureato in nefrologgia, teologia orientale e sentimento popolare che naaasce da meccaaaaaaniche divineeeeee. È pure campioncino europeo de MOSSA DE AIMLICH, dice che senza de quella nun lo pijaveno. Io faccio de sì co a capoccia, che tutta ‘sta sterminevole curtura me tende a confonne.

– VABBE’ MA ER MENU’ ‘NDO STA?
– È quello che c’hai ‘n mano, papà.
– QUESTO? MA CE STA SCRITTO “SUFFLE’ DE RICORDI DELL’AUTUNNO ‘N IMALAIA”, MA CHE E’ N SORBETTO? A DOTTO’, LEI CHE DICE?
– Signore, il menù di MARI E MONTI E MAGNI impiega nomi che evocano località esotiche da dove traggono origgine l’ingredienti PRIMIGGENI, ce spiega.
– AAAAAH. HO CAPITO. PE ME ‘N TRIONFO DE INTERIORITA’ CHE SBOCCA ALL’ESTERNO E SE TUFFA VIGOROSO SOPRA QUELLO CHE ‘N TEMPO ERA ‘N CAMPO DE GRANO.
– Prego? – fa er cameriere dottore.
– RIGATONI CAA PAJATA. TIETTE ‘NTORNO AR MEZZO CHILO. BOO TE CHE VOI?
– Io ‘n piattino, pijo un po’ da te.

Me arzo e vado ar bagno. Sarebbe n’erore da qualcosista dilettante pensa’ che er ristorante se valuta solo da quello che se magna. È tutto n’insieme invece, ‘ndo stai, come te servono, er calore umano. MARI E MONTI E MAGNI pure pe questo è primo ‘n classifica stabbile su PANZADVISOR:

bigdany1

Er bagno dee donne je va dato atto che ce sta pure la signorina che se voi te pija per mano, se mette davanti alla porta così nisuno entra, e intanto se voi te racconta l’urtima puntata de biutiful, te parla de carze a centouno denari, de legghinz, e te da’ er numero de telefono se durante er pasto te voi scambia’ qualche messaggetto d’amicizzia.
È tutto perfetto. ‘Na crema. Pure ‘a faccia de mi’padre quanno torno è er POPOTIPO daa crema.
– A BOO MA CHE M’HANNO PORTATO? DA ‘NDO SE INIZIA A MAGNALLO? NUN CAPISCO.
– A pa’, è PAJATA DESTRUTTURATA, ‘na loro specialità. Pijano ‘e cose e le separano.
– MA ‘A PAJATA ‘NDO STA?
– È quaa broda là davanti, te l’hanno portata tipo spuma perché fa ‘na cifra molecolare.
– MA ‘NSE POTEVANO FA’ ‘NA MOLECOLA DE CAZZI LORO? TE GIURO SO’ QUARANT’ANNI CHE MAGNO FORI, MO’ CE DEVO ANNA’ COR MANUALE DELL’ISTRUZIONI APPRESSO? MENO MALE CHE ‘N PAGO EH.
Siccome poi semo bongustari de larghe vedute e ce piace de assaggia’ cose che vengono da ‘nsai manco te dove, mi’padre ordina ‘na vassoiata de fritti, o come la chiamano loro PIRAMIDE DE CALDI FRICCICORI DORATI AR GIUSTO PUNTO DE FUMO. Che sarà pure ‘n buon punto pe fumasse ‘na canna, ma a occhio me sa che l’ojo der fritto noo cambiano manco dopo quindici vorte.
Tutt’intorno magnano, so’ contenti, tutti a di’ che belle ‘e pareti, anvedi er tavolinetto ROCCOCOJO, ce sta ‘n panorama che te vie’ voja de buttatte de sotto, vero Alfre’?
Mi’padre invece se aggita, bestemmia, invoca ‘a bonanima de ardofabbrizi e de su’ sorella.
Se vede che nun se ne intende de ristoranti. È l’unico de tutta ‘a sala, ‘nzieme a me, che se sta a fila’ er magna’ e dice pure che è ‘na merda.

Ariva er dottorino.
– Dolcetto?
-EH – fa mi’ padre leggendo er menù co l’occhiali da PRESBIPO – LEGGO QUA: CROSTATELLA DE FINTO CACAO VEGANO MACROBBIOTICO CRUDISTA CELIACO ADATTO PE TUTTI LI SCASSACAZZO DE NATURA VARIA CON CARUBBE. MA NOI SOO POTEMO MAGNA, SÌ?
– Certo, signore.
– CHE CE STA DRENTO, DE PRECISO?
– Carrube, signore.
– AH MBE’, ME CREDEVO CIOCCOLATO.
– Ma no, le pare? SOLO NIENTE E CARRUBE.

Io penso che mi’padre prima che usciamo sfascia er locale. Invece mentre zaccagna ‘a crostatella a cucchiaiate ‘o vedo che soride, poi a ‘na certa se sganascia der tutto.
– HAHAHAHAHAHA! A BOO, CHE POSTO DEMMERDA T’HANNO MANNATO A GIUDICA’! MA QUANT’ERA CHE ‘NSE DIVERTIVAMO COSI’ EH?
Me faccio ‘na risata purio. Forse c’hanno raggione l’altri. Forse er magna’ nun è così importante, è importante de sta’ bene.
Poi guardo mi’padre e nun me pare che sta bene. Cioè è popo viola. E diventa sempre più viola.
Stamo tutti fermi co lui che se tiene la gola e nun respira. E nun so che fare.
Manco er tempo de grida’ AOH ‘N DOTTORE che dai lati daa panza de mi’padre se insinueno du’ braccia che je premono. So’ quelle der dottorino, che je preme una, due, tre vorte.
Daa bocca de mi’padre parte ‘na carubba intera manco pe gnente destrutturata che passa sopra ‘na dieciottina de teste e attera sopra ar vassoio dei BUFFE’.
Tutti applaudono er dottorino, ar tavolino a fianco ‘na signora esartata grida ARMA’ MA N’HAI VISTO CHE SERVIZIO? SARVANO PURE ‘E VITE! E TE CHE ME VOLEVI PORTA’ DA ROSSOPOMMIDORO.
Er dottorino me mette ‘na mano su ‘a spalla e me dice:
– MO’ HAI CAPITO CHE D’E’ A MOSSA DE AIMLICH? ACAPITO PERCHE’ C’HO TROVATO LAVORO? ALLE BRUTTE MAA CAVO PURO COR TRAPIANTO DE FEGATO E L’ESTREMA UNZIONE BUDDISTA.
Je dico de sì caa capoccia.
– RICORDATE: QUESTA MANO PO’ SERVI’ E PO’ SOCCORE. A STO GIRO T’HA SOCCORZO.

Quella sera, dopo magnato, ho messo a letto mi’padre, che fa tanto er simpatico ma ‘n pochetto pure lui è rimasto scosso. Poi scrivo ‘a recenzione, e mo’ ardilà de carubbe e altro, boh io penso che devo parla’ de magna’ e allora je scrivo la verità. Ner giro de due minuti me rispondono:

da: meil@cacioparmiggiano.it
oggetto: RE: OH VE ALLEGO ER PEZZO EH

Mijoni de mosche non ponno esserse sbajate, ce o sai, sì?
Se tutti dicono che MARI E MONTI E MAGNI è da paura, te devi da segui’ o sciame de mosche. Si è mai vista ‘na mosca scrive ‘na recenzione negativa su ‘a merda?
Ps: Ma hai capito ‘ndo t’avemo mannata oh? Comunque ci abbiamo pensato a lungo, forse sei ‘na cojona il tuo profilo professionale non è compatibile al centodieciotto per cento con quello della nostra azienda.

CIA’ CIA’**
ER TIM DE CACIOPARMIGGIANO

** In caso de recenzione negativa er pasto nun verrà rimborzato. Dimenticace.

Sento ‘na cosa dietro e me vorto. ‘A cosa è mi’padre che s’è arzato.
– È ita male cor lavoro?
– Me sa.
– J’hai detto ‘a verità a papà, sì? Che quer posto era ‘na merda ve?
– Too giuro papà.
– E BRAVA ‘A COJONA CHE SEI. MA ‘NTE POTEVI NVENTA’ DUE FREGNACCE COME FANNO TUTTI? DIJE CHENNESO, CHE CIANNO LI CESSI BELLI. NO, TE DEVI FA’ A PALLADINA DAA VERITA’. MO’ STAI DE NOVO A SPASSO. PER CARITA’ ERA ‘N LAVORO DEMMERDA, MA ARMENO MAGNAVI A SCROCCO. POI DA COSA NASCE COSA, METTI CHE TE SE PIJA UNO DAA SCOLA ARBERGHIERA.
Nun ce crede manco lui, d’avemme detto ‘ste cose. A quest’ora è grasso che cola se de solito me dice SMORZA ‘A RADIO.
– Vabbe’ dai famose forza – me dice. – ce lo senti quer voto ‘n fonno ar core?
– No.
– IO SI’. STO A MORI’ DE FAME, N’AVEMO MAGNATO ‘NCAZZO. SCENNEMO QUA SOTTO, ER CORNETTO A STA BOTTA L’OFFRO IO.

Dar forno sotto casa mia passi dietro er retrobbottega e te passano i cornetti sottobbanco. Co mezzo scudo te porti via tipo venti cornetti assortiti, e te addorcisci l’amarene. Ce poi anna’ puro in pigiama e cor porpaccio servaggio, nisuno te giudicherà.
Guardo mi’padre che se sporvera dieciannove cornetti su venti e, mentre che devo ancora stacca’ n morso ar mio, penso che è bello avecce er core leggero e ‘a panza piena.
In finale, a ‘na certa nun te resta altro che er magna’.
So’ ancora piccola a pensa’ che ‘a verità è più mportante de ‘n lavoro demmerda?
Se cresce, se fa esperienza ogni giorno che passa.
Oggi, per esempio, ho imparato che bisogna masticare piano.

Ve stimo ‘na cifra,
Boosta Pazzesca

duilioregna1

Annunci

Informazioni su boostapazzesca

Ciò ventiquattranni e sto de casa ar laurentino pittrentotto, er quartiere de periferia de Roma che ce so’ nata e cresciuta. A famme accetta’ dall’altri ciò provato tanto, ma gnoo fatta. Er probblema è che so npo’ gnorante, a scola nun so’ mai annata bene, e so’ pure bruttarella forte. ‘Na BUSTA, come dicheno da e parti mie. Allora, siccome che per me l’importante so’ i valori, me so’ messa ‘na busta ‘ntesta, e ora ‘na cifra de ggente me segue su FEISBUC. So qualcosista fri lance. Provo a fa’ qualunque cosa pe’ diventa’ qualcosa. Pe’ provacce ce provo, pe’ non riuscicce nun ce riesco. Ve parlo ‘n romanesco che è lunica lingua che penzo de sape’, ma so’ sicura che me capirete pure a Boosto Arsizzio.

Discussione

12 pensieri su “NUN TE RESTA CHE MAGNA’

  1. CROSTATELLA DE FINTO CACAO VEGANO MACROBBIOTICO CRUDISTA CELIACO ADATTO PE TUTTI LI SCASSACAZZO DE NATURA VARIA CON CARUBBE.
    Ma no, le pare? SOLO NIENTE E CARRUBE.

    me sento male darride bustì!

    Pubblicato da Margherita Decisamente | 29 ottobre 2013, 15:37
  2. Apparte che l’amicomio ZeroCalcare dentro li bicchieri nun ce lo devono da mette so’ d’accordo su tutto. Ma com’è però che le recensioni mie su Panzadvisor non solo nun me le filano, ma manco me pagano l’ammazzacaffè? Bentornata Bustarè.

    Pubblicato da Giuseppe Colaiacomo | 29 ottobre 2013, 15:37
  3. ….e meno male che tu padre t ha aiutato cor giudizio globbalo!….te devo di che sto pezzo tè riuscito proprio bene ^_^te vojo bene e fallo pe me rimani sempre” piccola”

    Pubblicato da barbara spoletini | 29 ottobre 2013, 15:37
  4. Bellissimo!

    Pubblicato da Giovanni Grandi | 29 ottobre 2013, 15:37
  5. Vabbè, hai scritto il capolavoro, e mo’ che fai, te dài al canto?

    Pubblicato da Odradek editore | 29 ottobre 2013, 15:37
  6. A Boostì mia te sei da sei stelle, quattro pallette de PACMAN e due medaje dee giovani marmotte. Sto pezzo è popo sul pezzo. Grande, te stimo na pajata e mezza 🙂

    Pubblicato da Patrizia | 29 ottobre 2013, 15:37
  7. Ma dove so stato tutto sto tempo senza Boosta?

    Pubblicato da Paul TheOld | 29 ottobre 2013, 15:37
  8. So’ du ore che me rotolo! Sei sempre la mejo ❤

    Pubblicato da Nora | 29 ottobre 2013, 15:37
  9. :’)

    Pubblicato da umbertopalazzo | 29 ottobre 2013, 15:37
  10. “PE ME ‘N TRIONFO DE INTERIORITA’ CHE SBOCCA ALL’ESTERNO E SE TUFFA VIGOROSO SOPRA QUELLO CHE ‘N TEMPO ERA ‘N CAMPO DE GRANO.
    – Prego? – fa er cameriere dottore.
    – RIGATONI CAA PAJATA. TIETTE ‘NTORNO AR MEZZO CHILO.”

    …Ho rischiato la vita per ridere!!!!!!!!

    Pubblicato da milena | 29 ottobre 2013, 15:37
  11. Te stralovvo, quanto me diverte leggete, ma la prossima vorta me metto un tena lady,

    Pubblicato da marina sciarpetta bianchi | 29 ottobre 2013, 15:37

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

piazza qua a MEIL tua si voi l'aggiornamenti mia direttamente pe posta

BlogItalia - La directory italiana dei blog
modificare foto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: