stai a legge...
Vita da Boosta

L’IMPORTANZA DE ESSE GIUSY

donnefila1

Siccome nella vita li valori so’ importanti ma ‘a precedente ministra n’anno fa s’è raccomannata che tocca pure esse GIUSY, io e Sharon l’altro giorno stavamo ‘n fila dall’arba davanti a ‘n negozio der centro. Ma no pe i saldi, eh.
A corpa è stata mia, che Sharon era sparita da quando EL RAFAEL j’aveva fatto ‘a maggia, e l’urtima vorta che ho provato a chiamalla è annata così:

BOOSTASHARONSMARTPHONE

 e gnente, ecchime qua. Tra de noi se sa, ce sta ‘n dialogo. Quando l’ho vista j’ho chiesto subbito de EL RAFAEL, e lei tutta contenta m’ha risposto BOH.
A esse GIUSY oggi stamo tipo in seicento, pe un posto solo da commessa FULL TAIM. Ce stanno ‘e rigazzette giovani acqua e cerone co shortz e stivaloni, ‘e mamme de famija co pupo in braccio, shortz e stivaloni, ‘e mamme dee mamme che je sciabborda tutto da shortz e stivaloni, pure ‘n par de suore che vabbe’, nun se vede se c’hanno shortz e stivaloni ma ‘a crisi de sti tempi nun guarda ‘n faccia a nisuno. Figurate se se fa er segno daa croce.

donnefila2 Poi però ce sta pure chi se distingue, co shortz e ballerine, quelle che se spizzi bene c’hanno ‘e facce da laureate e masterizzate, aprono bocca e senti subito l’anni de studio e de fatica:

– MA STA FILA CHE FA? SCORE? ME PARE DE STA’ IN ASPETTANDO CLUSO’, dice ‘na smandrappata in fucsia davanti a noi.
– A Sharon, queste c’hanno ‘na curtura che lévate – dico io, che so senzibbile ar GAP CURTURALO.
– MA CURTURA DE CHE? STATTE ZITTA SI NO NUN ME PIJANO.
Je spizzo er curiculum e vedo che c’ha a LAURA DECENNALE in scienze umanistiche, ma ha coretto cor pennarello nero LISCENZA TERZA MEDIA.
– DICHENO CHE QUELLE ACCURTURATE DANNO SOLO ROGNE, CHIAMANO ER SINDACATO AR PRIMO STRAORDINARIO IN NERO, E PURE SE SCRIVI ALLA GABBANELLI PRIMA CHE VIENE SAI QUANTO CE VO’ AOH IO DEVO DA LAVORA’.
Manco er tempo de fini’ ‘a denuncia sosciale de scottevole attualità, che intorno a noi è ‘na gara a chi finisce prima de sbianchetta’ er curiculum alla voce istruzzione, n’unica immensa TABBULA RASATA ar termine daa quale INGEGNERESSE NUCLEAMBOLI e CHIMICHE FANTAFARMACISTICHE se trasformano ‘n fiere portatrici sane de licenza elementare.
Una s’è pure scritta n’autocertificazione ‘n stampatello:

esempioautocertificazione1

Che voi fa’, tocca ingegnasse. Te pare che ‘a curtura paga, in un paese ‘ndo vanno tutti a scrocco?
Er tempo passa, quando te diverti. All’ora de pranzo stamo tutte ancora qua, sedute sur marciapiede, donne de svariato tipo e ogni età ma comunque donne. So’ quei momenti che scatta ‘a solidarietà.

 machiegiusy

Er popolo dee GIUSY è fatto così: ‘na cosa sola, fiere de esse GIUSY e a ‘o stesso tempo inconsapevoli de esserlo. Intanto se vocifera che ‘a prima daa fila, nove chilometri più a est, ancora n’è uscita, e te vie’ voja de fa’ er tifo, che in finale è GIUSY pure lei ma un po’ je gufi contro, ci mancherebbe, perché ‘nzomma MORZ TUA, LI MORTACCI MIA.

Poi se sa, come ‘n tutte le cose, se procede pe selezione naturale: intorno a ‘e quattro der pomeriggio chi deve anna’ a fa’ i compiti, chi deve pija’ li regazzini a scola, chi c’ha ‘a socera invalida, chi er marito paraculo che je deve servi’ ‘a merenda, chi c’ha n’aperitivo de preghiera (vabbe’, ‘e suore), ‘a fila se spopola.
Ce vo’ coraggio, pe rinnega’ se stesse e quello che se vole esse. Ma soprattutto, ce vo’ tempo. Dopo ‘na certa scatta er GONG, tipo l’orologgio biologgico.

 donnefila3– AOH, MA MICA CHE QUELLA CHE È ENTRATA PE ER COLLOQUIO L’AVRANNO ASSUNTA? – dice la scenziata masterizzata in fucsia smandrappato. Semo rimasti io, lei, Sharon e ‘no stivalone abbandonato taja 38 e mezzo. E davero nun se sa chi de noi quattro c’ha più possibbilità. Poi ce sta ‘a quinta.
Eccola che sta a usci’. È stata dentro ‘na cifra, sa de sicuro er fatto suo.

– OH, A COJONE – ce fa appena ce vede.
– A MARUSCA, MA CHE STAVI ‘N FILA PURE TE?
– IO? IN FILA? MA TE PARE? Io stavo da LASCH che ce stava l’offerta sur sapone alle visciole, poi uno dar negozio m’ha fatto AOH e allora so’ entrata scavarcando educatamente ‘sta bolgia.
– Allora? T’hanno presa?
– A provinciala, e te pare che too fanno sape’ mo’? Intanto ho fatto tutti i provini.
– EH?
– MASTERSCIEF, SOS TATA, IGS FACTORZ, tutto oh. Poi ‘ndo me pijano vado.
– Ma che t’hanno fatto fa’?
– Boh. N’ajo e ojo, poi j’ho retto li regazzini, poi ho cantato ma me sa che la’ è ita male. Oh, se beccamo che c’ho Gerlando ‘n tripla fila sur lungotevere da undiciore. ‘N BOCCA AR LUPO EH. 

Vabbe’. Semo rimaste ‘n quattro. A ‘na certa esce fori uno de ‘na certa età, cor fularino de seta ar collo e le SUPERGA sotto ar completino.
– QUANTE SIETE? VOI TRE? DAJE, DENTRO. ‘O STIVALONE PURE STA ‘N FILA CO’ VOI?
Nessuna de noi dice ‘na parola. A solidarietà è tra donne, no tra carzature.
– UNA DE MENO – mormora ‘a smandrappata, che già saa sente calla.
– ALLORA, QUA DE POSTO CE NE STA UNO SOLO. IN TANTE ‘O VOREBBERO, DONNE CO DU’ COJONI COSI’. MO’ DITEME PERCHE’ ‘O DOVREBBI DA’ A UNA DE VOI.
– Magari una de noi c’ha L’IGS FACTORZ. HIHIHIHHIHIHI – dice ‘a smandrappata.
– ANCORA CO STO IGS FACTORZ? PRIMA E’ VENUTA N’ACCOLLO CHE S’E’ MESSA PURE A CANTA’ E A FA’ A PASTA, PUR DE FASSE PIJA’. STAVAMO A CHIAMA’ A NEURO. ALLORA? CHI ME RISPONNE?
Vabbe’, parto io.
– Io nun è che veramen…
– NO.
‘A smandrappata se inserisce.
– Capo, io c’ho dee referenze che…
– VALLE A RIFERI’ AR PONTE SUBLICIO, FA’ ER FAVORE.
Er tizio va da Sharon, che che sta muta da ‘na parte.
– TE NUN PARLI VE? BRAVA. ME PIACI. POCHE CHIACCHIERE. MEMORIZZA A TAMBURELLA: ‘A DOMENICA NUN ESISTE, A NATALE TE PIACE DA LAVORA’ DIECIOTTO ORE DE FILA, I CONTRIBUTI NUN SAI CHE SO’, ER TIEFFEERRE E’ ER SITO NOVO DE TRENITAJA.
Spizza schifato me e ‘a smandrappata.
– VEDETE? POTETE PURE STUDIA’ A FISICA QUARZISTICA, MA AI LIVELLI SUA NUN CIARIVERETE MAI MANCO CO L’ASCENSORE. COME TE CHIAMI? AOH, MO’ POI PARLA’.
– Cicala Sharon.
– A CICALA, SE VOI POI PASSA’ DOMANI.
– No.
– EH?
– Io ‘sto lavoro nun lo vojo. Nun spreco ‘a mia dignità.

Pija ed esce. A ‘sto giro Sharon ce sta a da’ du’piste a tutti. Esco ‘nzieme a lei.
– Sharon, so’ orgojosa de te – je dico.
– Boo, ar monno ce sta quarcosa de più der lavoro sottopagato in centro.
– Ve’?
– ER LAVORO SOTTOPAGATO SOTTO CASA. CE STA GIANFRANCO CHE HA APERTO ER PUB E M’HA MANNATO MO’ MO’ UN MESSAGGETTO. OTTO BARRA DIECI ORE A SERA PE’ 20 NEURI QUOTIDIANI LORDI ZOZZI E UN BUONO SCONTO PE NA VAISS DA ZEROVENTI LI GIORNI DISPARI. CIAO BOO, S’ARIBBECCAMIO.
M’accanna là e piotta ‘n direzione metro.

De solito l’amica che accompagna quella che va a fa’ er colloquio, poi pijano lei e no quella che c’ha avuto la bella idea de fasse accompagna’.
Co ‘sti chiari de luna, quasi quasi torno ar negozio e je batto er lavoro.

– EHI, BOO! TE CHIAMI BOO VE?
Me vorto. È a smandrappata ‘n fucsia.
– SIETE POPO FIERE, TE E L’AMICA TUA. VE AMMIRO TANTO.
– Grazie. Te che hai fatto?
– EH SAI, SO’ RIMASTA SOLO IO, ALLORA M’HANNO PIJATA. C’AVETE RAGGIONE VOI, E’ N LAVORO DEMMERDA MA C’HO TRENTOTTANNI EH, QUELLO CHE CE STA ME PIJO. MICA POSSO FA’ A SCHIZZICOSA.
Poi me guarda, quasi materna, e me dice:
– MENO MALE CHE SIETE GIOVANI, ANCORA VE POTETE PERMETTE DE SCEJE… OH MANCO SE SEMO PRESENTATE! MORTO LIETA, STRAZZAMAGLIA GIUSEPPA, MA TE CHIAMAME PURE GIUSY.
Me fa ciao caa mano e saa sculetta via.

Esse donne oggi, esse GIUSY, è na cosa che nun se po spiega’. Se deve vive.
Semo costrette daa nascita a combatte tra quello che volemo fa’, quello che ce dicono de fa’, quello che se da’ pe scontato che dovemo fa’ e quello che nun volemo fa’ ma ce fanno fa’ lo stesso.
Meno male che ce sta sempre una più GIUSY de noi che alla fine jaa fa.

Ve stimo ‘na cifra,
Boosta Pazzesca

Advertisements

Informazioni su boostapazzesca

Ciò ventiquattranni e sto de casa ar laurentino pittrentotto, er quartiere de periferia de Roma che ce so’ nata e cresciuta. A famme accetta’ dall’altri ciò provato tanto, ma gnoo fatta. Er probblema è che so npo’ gnorante, a scola nun so’ mai annata bene, e so’ pure bruttarella forte. ‘Na BUSTA, come dicheno da e parti mie. Allora, siccome che per me l’importante so’ i valori, me so’ messa ‘na busta ‘ntesta, e ora ‘na cifra de ggente me segue su FEISBUC. So qualcosista fri lance. Provo a fa’ qualunque cosa pe’ diventa’ qualcosa. Pe’ provacce ce provo, pe’ non riuscicce nun ce riesco. Ve parlo ‘n romanesco che è lunica lingua che penzo de sape’, ma so’ sicura che me capirete pure a Boosto Arsizzio.

Discussione

7 pensieri su “L’IMPORTANZA DE ESSE GIUSY

  1. me vie’ n mente solo de ditte “come te posso ama’ ”
    sentitamente tua, Giusy

    Pubblicato da Margherita Decisamente | 1 ottobre 2013, 15:37
  2. benedetto er giorno der concleiv che t’ho scoperta. sotto ce stava na Boosta Pazzasca daverooooo!

    Pubblicato da Anna Maria Girardi | 1 ottobre 2013, 15:37
  3. Amara è amara aa’ realtà, ma con boostanostra ce se po’ fa pure ma risata sopra. Te stimo proprio.

    Pubblicato da Monica | 1 ottobre 2013, 15:37
  4. Nun taa prenne, Boostare’, ma io ho conosciuto ‘na stronza che se chiamava Giusy (magara era nata Giuseppa, ma co’ ‘sto nome der cavolo se faceva chiamà Guisy che fa più sciantosa) che oggi, se leggo che na Giusy è finita sotto ar tranve, me stappo ‘n crodino naa speranza che è lei. A te t’adoro, ae Giusy che finissero tutte a Malagrotta.

    Pubblicato da Enzo Lanza | 1 ottobre 2013, 15:37
  5. A Boo a parte che benedetto er giono che t’ho incontrata, te volevo scrive che er guaio nostro in fondo e che noi donne, semo tutte un po’ Giusy e pe’ fortuna.

    Pubblicato da marina sciarpetta bianchi | 1 ottobre 2013, 15:37
  6. A Boo che te lo dico a fare?

    Pubblicato da anna chiatto | 1 ottobre 2013, 15:37
  7. ammazza che ‘nfamie… quer povero stivalone l’avete rimasto solo!

    Pubblicato da Sergio Nardo | 2 ottobre 2013, 15:37

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

piazza qua a MEIL tua si voi l'aggiornamenti mia direttamente pe posta

BlogItalia - La directory italiana dei blog
modificare foto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: