stai a legge...
Vita da Boosta

LAIV AR CONCLEIV

concboostdef

Stavo n’attimo a mette a posto ‘n casa, che sonano alla porta. Apro e me trovo uno vestito tarmente male che je dico – Scusa, nun c’ho spicci. 

–         NO, IO CAPARRA GIA’ DATA. IO KLAUS, PELLEGRINO. FENGO PER STANZA.
Ariva mi’ padre.
–         ECCHIME, ECCHIME. A BOO, LIBBERA A BRANDA, AMO AFFITTATO.
Er pellegrino me sventola soridente a meil sua de risposta all’annuncio VATICANO CONCLAVE AFFITTASI POSTO LETTO PREZZO MODICO 900 EURI NUN SE TRATTA STAI A 10 MINUTI DAR CUPOLONE CHE TE CE VOI TUFFA’ DENTRO?
–         A pa’, ma stamo dall’altra parte daa città.
–         CHE STAI A DI’? COI MEZZI E’ N’ATOMO. DAJE, PORTALO AR CONCLAVE, HA PAGATO PURE ER SERVIZZIO GUIDA TURISTICA.
–         Ma io ‘ndo vado a dormi’?
–         DALL’AMICA TUA NATALI’.
–          Chi?
–         QUELLA CHE MAGNA RISO E CACA SUPPLI’. DAJE SCHIODA. AUFIDERZE, A COSO.

Chiamo Sharon che penso che se riferiva a lei. Me dice vabbe’, c’ho a cameretta pe er pupo, ma tanto ancora deve nasce quindi te ce poi mette. Poi me accompagna, perché su UOMANCOICOIONS ha letto che camina’ fa bene ar bambino, ma lui ancora nun lo po fa’ quindi tocca che pedali te. Pe di’, ancora nun è nato e già ce condiziona l’esistenza a tutteddue.

–         AH ROMA CITTA’ FANTASTICA! TEMPO SEMBRA NON PASSARE MAI, dice er pellegrino.
E te credo, ‘n ora dopo tipo stamo sempre a Termini a pija’ a linea A. Ma tanto lui pare felice, fa e foto cor telefono, ce sta n tempo de guano ma c’ha i carzoncini corti e li carzini alti chii sandali.
A San Pietro me chiama Marusca.

–         A BOO HO SVORTATO. SAI DOVE?
–         Dietro a quaa colonna, t’ho vista. Aspetta che te raggiungo.
Lascio Sharon cor pellegrino e vado da Marusca che sta nzieme a cinque sei bionde straniere che parono rumene, boh, nzomma slavatelle dell’est.

–         M’HA RISPOSTO N’AGGENZIA RUSSA CHE SERVONO MODELLE PE SFILA’ A SAN PIETRO DURANTE ER CONCLEIV! A STO GIRO ME VEDE ER MONNO.
–         Durante che?
–         ER CONCLEIV. NCE LO SAI CHE COLL’INGLESE STO A INGRANA’?
Ariva Sharon.
–         A BOO ME SO’ PERSA ER PELLEGRINO. CO STA PANZA MICA JE POSSO CORE DIETRO. ANNAVA VERSO A BASILICA.

Ce vado ma nun lo vedo. Me addentro, inciampo e vado de capoccia contro na colonna. Quanno me riarzo, davanti a me s’è aperta na porticina. Guarda ‘ndo s’è annato a ficca’, penso.
Cammino pe na bona ventina de minuti che nun se vede gnente, finché n’antra porticina me fa usci’ n un posto enorme, pieno de pitture a e pareti, tutto illuminato. Na cosa gajardissima, oh, che pe vedelle minimo tocca prenota’ er mese prima.
Ariva uno anzianotto, dev’esse n prete ma è tutto elegante co catene e tuniche rosse.

–         Quid hic agis?
–         Eh?
–         CHE CAZZO STAI A FA’ QUA? STAMO A ELEGGE ER PAPA, MICA CHE POI STA’ QUI.
–         Eh, o so, scusate. Ho trovato na porta aperta…
–         MA CHE DAVERO? HAI TROVATO ER PASSAGGIO SEGRETO DE LI CONCLAVISTI!

Me spiega che nell’antichi conclavi, dopo tre giorni che non calavi er nome der papa novo, te mettevano a pane e acqua. Allora li conclavisti s’erano inventati n passaggio segreto pe anna’ a rotazione fori a pija’ le ciriole cor salame pe tutti. Poi na vorta l’hanno tanati e der passaggio s’erano perse e tracce, finché nun ce so’ annata io de capoccia a riscoprillo.

–         E’ ER CIELO CHE TE MANNA. SENTI, SE ME ASPETTI N’ATOMO VADO DAI COLLEGHI A SCOLLETTA’, SE CORTESEMENTE CE POI PORTA’ N CHILO DE CRUDO DUE DE CACIOCAVALLO E CENTOVENTI CIRIOLE, CHE NO SPUNTINO SO FAREBBIMO VOLENTIERI.

Me pareva brutto di’ de no. Me mettono i sordi ‘n mano, so’ tutti felici, me dicono pure er pizzicarolo bono ‘ndo anna’. Me rifaccio mezz’ora a piedi, esco, svoto er pizzicarolo e su a via der ritorno me mbatto in una caciara paurosa. A polizia sta a carica’ contro e rumene che so’ tutte spojate e dicono cose che in rumeno a occhio vonno di’ PAPA, CE STAI A METTE TROPPO.
Poi quarcuna invece dice E LASSAME, A PORCO, NUN VEDI CHE E’ NUDO ARTISTICO?

–         A Maru’, ma che stai a fa’?
–         A BOO ME STANNO A ARESTA’. IO AVO CAPITO CHE DOVEVAMO SFILA’, MICA CHE QUESTE SE SFILAVANO E COSE DE SOPRA. CHIAMA GERLANDO, DIJE DE NUN ACCENNE A TIVVU’ CHE SENNO’ FACCIO NA FIGURA DEMMERDA.

Siccome c’ho na missione da compiere, torno da li conclavisti e manco faccio ‘n tempo a poggia’ e cose che see so’ spolverate.

–         GRAZIE, FIJETTA. SENTI… NO SCUSA, E’ CORPA MIA EH, MA CE STA ER VESCOVO DER CONGO CHE VOLEVA PURE ASSAGGIA’ ER VINO DE LI CASTELLI, CE NE ANDRESTI A PIJA’ N CARTONE? PE ME NO EH, IO DEVO STA’ LEGGERO.
–         Ma quanno votate? Io c’ho n pellegrino da porta’ a casa, oh.
–         MA CHE NE SAI. QUESTE SO’ COSE TROPPO ARTE PE TE. SERVE NA CARMA E TRASCENDENTE CAPACITA’ DE ASTRASSE DAR CONTESTO. COMUNQUE QUELLO BONO STA DUE ISOLATI DOPO ER PIZZICAROLO, DAJE CHE IN MEZZ’ORA STAI DE NOVO QUA.

Mentre che me rifaccio er percorso indietro, penso un po’ de cose. Che er monno aspetta ‘n segnale, che tanta gente che a ste cose ce credono vole quarcuno che je dice fai questo fai quello, che a spiritualità e er vino de li castelli fanno a cazzotti e che sostanziarmente me sarebbi n po’ rotta li cojoni purio. Allora esco, trovo er primo che me pare ‘n cappellano, lo porto alla porta, je dico che quello è er passaggio segreto de li conclavisti e o lasso là co a bocca che je tocca tera.

 Torno ‘n piazza. Sharon sta a guarda’ n cielo come tutti.
–         A BOO.
–         Eh.
–         MI’ FIJO DEVE CREDE. STAMO ‘N UNA GRANDE CRISI. DOVEMO AGGRAPPASSE ALLA FEDE PE SUPERA’ STO MOMENTACCIO.
–         Ma chi t’ha detto ste cose?
–         ER PELLEGRINO. GUARDA STA LA’ A N METRO, E’ NA CIFRA SIMPATICO. MICA SE PERDE EH, CIA’ ER GIPPIESSE. COMUNQUE HO DECISO: MI’ FIJO LO CHIAMO COR NOME DER NOVO PAPA.

Aspettamo na mezz’ora, che mentalmente quantifico ner tempo necessario all’arte sfere pe mura’ er passaggio e dinne quattro a li conclavisti.

Poi, dar comignolo esce er fumo.
BIANCO.
CIAVEMUS PAPAM.
A sensazzione è che li prossimi conclavi dureranno tutti na cifra poco. A na certa età, è risaputo, rimane solo da magna’.

Marusca me telefona mentre intorno ce sta na caciara temibbile, la sento e nun la sento. Però quando la sento me dice che na TRUP l’ha intervistata e che n produttore l’ha notata e mo’ fa er provino pe CARCIO E PEPE, na trasmissione sportiva che va su n canale der satellite.

–        ACAPITO? COSI’ ME VEDONO PURE SU MARTE.  

Poi le finestre de San Pietro se aprono, ariva l’annunciatore, tutti s’aspettano chi uno chi n’antro. Invece esce uno che, a occhio, me sa che se filavano in pochi.
Sharon attende er nome co e lacrime all’occhi. Ecchelo. Ariva.
Nun dice gnente. Poi:
–         CHE HA DETTO? FRANCESCO?
–         Nun te piace, Sha’?
–         E CE VOLEVA ‘O SPIRITO SANTO PE DIMME DE CHIAMALLO FRANCESCO?
–         Vabbe’ dai, è n ber nome.
–         NO. NUN SE SCHERZA CAA FEDE.

S’asciuga e lacrime. Se accarezza la panza, poi con orgojo se schiarisce a vosce e dice:
–         DE FRANCESCO CE NE STA UNO SOLO. ER CAPITANO. MI’FIJO O CHIAMEREMO CICCIO.  

Mentarmente penso ar poster de Graziani che mi’padre s’è tenuto sur muro fino ar novantasei, ma nun dico gnente e je sorido.
Ce so’ cose che nun importa conosce, che magari uno ce rimane male. L’importante è che de facciata nun fanno na piega.
C’avemo bisogno de ave’visto quarcosa là ‘n alto, quando tra ‘n pochetto guarderemo de novo ‘n basso.

Ve stimo na cifra,
Boosta Pazzesca

Annunci

Informazioni su boostapazzesca

Ciò ventiquattranni e sto de casa ar laurentino pittrentotto, er quartiere de periferia de Roma che ce so’ nata e cresciuta. A famme accetta’ dall’altri ciò provato tanto, ma gnoo fatta. Er probblema è che so npo’ gnorante, a scola nun so’ mai annata bene, e so’ pure bruttarella forte. ‘Na BUSTA, come dicheno da e parti mie. Allora, siccome che per me l’importante so’ i valori, me so’ messa ‘na busta ‘ntesta, e ora ‘na cifra de ggente me segue su FEISBUC. So qualcosista fri lance. Provo a fa’ qualunque cosa pe’ diventa’ qualcosa. Pe’ provacce ce provo, pe’ non riuscicce nun ce riesco. Ve parlo ‘n romanesco che è lunica lingua che penzo de sape’, ma so’ sicura che me capirete pure a Boosto Arsizzio.

Discussione

6 pensieri su “LAIV AR CONCLEIV

  1. Abboo…ma che to dico affà? Sei la mejo. 😀
    (le ciriole cor salame….ahahahahaha)

    Pubblicato da Simona Barghini | 14 marzo 2013, 15:37
  2. abemus er papa…mejo che gniente.. mo vojo legge er zequel der governo, come te spicci..ahhahahaha sei grande Boosty…mica è da tutti avecce Boosta Pazzesca Prima!!!

    Pubblicato da maldimaldive | 14 marzo 2013, 15:37
  3. Grande Boostì!t è passato er ficozzo? te stimo ^_^

    Pubblicato da barbara spoletini | 14 marzo 2013, 15:37
  4. er problema è che ce n’ abemus dos!

    Pubblicato da fusty | 21 aprile 2013, 15:37
  5. Aho .. Popo gajarda sta boosta!

    Pubblicato da salzahimer | 21 giugno 2013, 15:37
  6. Aho! Gajarda sta Boosta!

    Ahahahahah

    Pubblicato da salzahimer | 21 giugno 2013, 15:37

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

piazza qua a MEIL tua si voi l'aggiornamenti mia direttamente pe posta

BlogItalia - La directory italiana dei blog
modificare foto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: