stai a legge...
Vita da Boosta

A SOLITUDINE DEI NUMERI MILLESIMI

Martedì stavo co mi’padre a DISSACRA’ li massimi sistemi, perché lui nun fa gnente e nvece naa vita ce so’ momenti che te potresti pure move.

–       Daje, pa’. O fanno tutti. Basta usci’ de casa, dì na cosa, na parola.
–       NUN VADO DE CORPO, FIGURATE SI ME ‘NCULO A RIUNIONE DE CONDOMINIO. ANZI PIJA QUESTO.
Me da n fojetto co scritto DITEJE A LEI.
–       Ma che è?
–       A DELEGA. OH VADO AR CESSO, PO ESSE CHE E’ A VORTA BONA CHE FACCIO QUARCOSA. POI ME RACCONTI EH? 

Stanno tutti all’urtimo piano, da ‘a sora Marcella che ha fatto pure ‘a crostata caa ricotta. A riunione de condominio è n po’ che nun se fa perché l’amministratore GIAMPALMI EZZIO è finito ar gabbio, dice pe storie de truffa aggrazziata e azzottamento de beni comuni e curturali. L’hanno aspettato, poi siccome so so’ ribbevuto hanno deciso de fa’ da soli, che ce sta na cifra de cose da risorve.
Er geometra Palladino, che a sto giro è lui amministratore, me s’avvicina co tutta a stampella, me zotta er fojetto e me dice
–       CHE E’, A DITEJELA? TU’PADRE CIA’ PAURA DE VENI’? IO ME SO’ SCOCCIATO DE SENTILLO GRIDA’ A ‘E TRE DE NOTTE EH.
–       A geò, abbitamo ‘n cantina tre piani sotto de lei.
–       EH, MA IO SENTO A VOCE DE TU’PADRE.
–       Dimme chi nun la sente.
–       VABBE’ INIZZIAMO. QUA E’ TUTTO NO SCATAFASCIO, QUINDI DIREI FRUGATEVE N BASE A LI MILLESIMI VOSTRI E POI VEDEMO CHE FA’.
–       AOH, se inserisce ‘a sora Marcella, PRIMA DE TUTTO PARLAMO DER TETTO MIO CHE CE PIOVE. ‘N SALOTTO CE DEVO ANNA’ COO SCAFANDRO E PRIMA O POI ME CROLLA TUTTO SU ‘A CAPOCCIA. MICA DEVO PAGA’ IO EH, QUESTO E’ ER TETTO DE TUTTI.
–       E’ ‘R TETTO TUO A MARCE’, se inserisce er maresciallo a riposo, MO’ GUARDA SI DEVO PAGA’ IO CHE STO AR TERZO PIANO.
–       E ALLORA PAGA A RATA DER RISCARDAMENTO, CHE TRA N PO’ E’ FINITA L’ESTATE E ANCORA O TENEMO ACCESO PERCHE’ CIAI L’OSSA FRACICHE.
–       E SE VEDE CHE SE SO’ NFRACICATE PE L’ACQUA DEE PIANTE TUA CHE ME CASCA A TAMBURELLA SUR BARCONE.
–       MA SI ‘NCE VADO MAI SUR BARCONE.
–       NUN E’ VERO, dicono tutti n coro. Forse o direbbi purio, si riuscirebbi a vede’ quarcosa dall’antro de casa mia che sta sottotera.
–       VABBE’ MARCE’, taja corto er geometra Palladino, PASSAMO A N’ANTRO PUNTO, TANTO NUN CROLLA ‘R TETTO, E’ COME ER COLOSSEO, DICE DICE MA STA SEMPRE LA’.  

Dopo quattro giri de crostata, tre de pizzette, due de cedratatassoni e uno de aspirina pe fa score’ e placche de amarezza via dall’arterie, so’ le nove, amo parlato de tutto e de gnente e stamo sempre qua.
AOH, ME PARE CHE SE SEMO DETTI TUTTO. VOI ATE FINITO A BRISCOLA O DOVEMO ASPETTA’ A BELLA?
Io e Faustino, er sordo der piantereno, c’eravamo messi da na parte a gioca’ a carte che tanto er servizzio sottotitoli stava a sciopera’.

A BOO, CHE STATE A FA’ ER RUF PARTI E NUN ME NVITI?
Se vortamo ‘n massa. Ce sta Marusca leopardata che s’avvicina e pija na pizzetta dar piattino de plastica posannoce na VIGORZOL. Ce sta pure Sharon che se confonde in mezzo a li FICUS BENGIAMIN de sora Marcella.
– AOH, STA SIGNORINA COME HA FATTO A ENTRA’? dice ‘a sora Marcella. CARA, QUA E’PROPRIETA’ PRIVATA EH.
– CIA’ RAGGIONE SIGNO’. TIE’ QUESTE SO’ E CHIAVI TUA, STAVANO  ATTACCATE ALLA PORTA.
– SI MA NER PALAZZO COME CE SEI ENTRATA?
– VABBE BASTA SPIGNE NO? SO’ ANNI CHE STA SCASSATO, dice Sharon.
Ar maresciallo je va a tassoni de traverzo.
NOVO PUNTO ALL’ORDINE DER GIORNO!
Sì, daa notte ormai, je dico io.
ER PORTONE VA RIPARATO! PERO’ LI MILLESIMI VANNO RISPETTATI, IO ABBITO AR TERZO PIANO E LO USO DE MENO, O DEVONO PAGA’QUELLI DER PIANTERENO.
– STO SECCO A DENARA, me grida Faustino che ormai sta a vince da solo.
– VABBE’ MA IO POI COME ENTRO?, chiede Sharon. A BOO ME DAI TE LE CHIAVI?
NOVO PUNTO ALL’ORDINE DER GIORNO! E CHIAVI DOO STABBILE SE PONNO DA’ SOLO A FIJI E PARENTI!
Tempo tre minuti e a proposta se modifica in FIJI E BADANTI. Armeno quarcuno che se pija le chiavi ce sta.

A ‘n tratto, se sente ‘n botto che fa trema’ a tera e schiuma’ a cedrata. Dar soffitto casca na lastra de ‘ntonaco che guarnisce a crostata de zucchero a velo.
Li condomini se guardano ‘mpauriti.
– ER TEREMOTO! ER TERORISMO! LI TEDESCHI! L’AMMERICANI! AOH BUTTATEVE SOTTO AR TAVOLO!
Dopo a prima scossa nun succede più gnente.
Me viene n sospetto. Apro la porta e ce sta mi’ padre rotolato pe tera su o zerbino de cocco.
– CHI CAZZO HA DATO A CERA OH? SEMPRE A BUTTA’ I SORDI STATE, NUN BASTA DA’ NA SCOPATA?
AH E’ TU’PADRE, dice Marusca delusa coo SMARTFON in mano, E IO CHE STAVO A TUITTA’ L’ATTENTATO SOTTO CASA MIA.
A pa’, ma sei venuto, t’ho convinto.
– CONVINTO DE CHE? ‘A CENA NUN SE PREPARA DA SOLA E IO C’HO DA FA’.
Mi’ padre guadagna er centro daa stanza, inghiotte a crostata de sora Marcella co ‘n boccone solo, poi se schiarisce a vosce.
–       IO NUN CALO N’EURO.
–       EH?
–       PERCHE’ VOI LI SORDI CE L’AVETE?
–       NO.
–       E ALLORA DE CHE CAZZO STAMO A PARLA’? SI’ CASCA NA COSA SCOLLETTAMO AR VOLO E METTEMO DU’ PUNTELLI. MO’ SCHIODAMO CHE SO’ ‘E DIECI E ME SAREBBI PURE SCASSATO.
S’arza e se ne va.
–       VABBE’, dice er geometra Palladino, ALLORA… SE N’ANNAMO?
–       E ME SA DE SI, je risponne ‘a sora Marcella.
–       MA CE SAREBBE ‘A QUESTIONE DAA CERA….
–       AOH, ringhia mi’padre. ­– NUN LA DAMO. TUTTI D’ACCORDO? SI. BELLA PE TUTTI.
–       A BOO, me dice Sharon, ‘A SORA MARCELLA C’HA NVITATO A MAGNA’ E PORPETTE, CHE DICE LI NIPOTI SUA NUN VENGONO. TE RESTI?
–       Nun posso, rispondo, devo anna’a fa’ a cena. 

Pe le scale so’tutti na cifra moggi. Se vortano, accennano ‘n saluto, me fanno bella Bru’, viecce a trova’ co tu padre ‘aa prossima riunione eh. Porta pure l’amiche tua che so’ simpatiche.
So’ tarmente soli che na riunione de condominio po aiuta’ a falli senti’ vivi.
Ar seconno piano becco mi’padre che sta a entra’ nell’appartamento sfitto sopra quello der geometra.
–       A pa’ ma che stai a fa’?
–       DEVO FA’… N CONTROLLO AR CUBBO DE CONGIUNZIONE DEE VARVOLE TIRITALLE.
–       Eh?
–       TE NE DICO N’ANTRA O TE LEVI DA E PALLE?
Ar primo piano trovo er geometra che sta a rientra’. Me guarda. Mi’padre ha iniziato a controlla’ e varvole tiritalle, sta a fa’ na caciara de gnente e a occhio so’ pure ‘n due, lui e na donna che GEMITA co l’accento de Ileana daa Laurentina.
Er geometra me dice BONANOTTE e se chiude ‘a porta dietro.
Io arivo ao scantinato nostro, che è ‘na cifra umido ma parecchio lontano da tutto quello che me so’ vista finora.

Storie de numeri, anzi no, de millesimi.
Li numeri millesimi so’ divisibbili sortanto pe uno e pe se stessi. Stanno ar posto loro nell’infinita serie de li coinquilini anziani, schiacciati fra quattro mura. So’ millesimi sospettosi e solitari, finiti priggionieri dee case loro pe’ scelta de altri, o pe’ via daa vita che se so’ scelti loro.
Po’ esse che pure a loro j’arisurterebbe de esse come l’altri, si solo l’altri se ricordassero de loro.

Ve stimo na cifra,
Boosta Pazzesca

Annunci

Informazioni su boostapazzesca

Ciò ventiquattranni e sto de casa ar laurentino pittrentotto, er quartiere de periferia de Roma che ce so’ nata e cresciuta. A famme accetta’ dall’altri ciò provato tanto, ma gnoo fatta. Er probblema è che so npo’ gnorante, a scola nun so’ mai annata bene, e so’ pure bruttarella forte. ‘Na BUSTA, come dicheno da e parti mie. Allora, siccome che per me l’importante so’ i valori, me so’ messa ‘na busta ‘ntesta, e ora ‘na cifra de ggente me segue su FEISBUC. So qualcosista fri lance. Provo a fa’ qualunque cosa pe’ diventa’ qualcosa. Pe’ provacce ce provo, pe’ non riuscicce nun ce riesco. Ve parlo ‘n romanesco che è lunica lingua che penzo de sape’, ma so’ sicura che me capirete pure a Boosto Arsizzio.

Discussione

20 pensieri su “A SOLITUDINE DEI NUMERI MILLESIMI

  1. Togli a cera, metti a cera..

    Pubblicato da marina bianchi | 31 maggio 2012, 15:37
  2. uno dei tuoi pezzi migliori, …” bru’ “! come al solito mi scatafascio dal ridere. ma, come al solito, rifletto pure al messaggio profondo, intrinseco e subcosciente che mandi ogni volta che scrivi: colpisce dentro tanto quanto fanno ridere i tuoi dialoghi in romanesco. è tutto molto vero, quello che scrivi. bravona!
    ma hai mai pensato di farci una fiction in tv con questi tuoi post? certo, a leggerli è tutta un’altra cosa…

    Pubblicato da nunzio | 31 maggio 2012, 15:37
  3. Pecchè tutta sta solitudine condomminiale? Pecchè nun te compri na casa ar mare, a Ostia, na bella tavola da serf e te ne vai a respirà la libbertà, la sarsedine, er libeccio, te fai na scorpacciata de onde e de mareggiate forza quattro? Te vedrei bene a Banzai, nun ce staranno dee varvole tritaballe ma ‘somma, te poi sempre divertì.
    te lovvo a bestia. tua per zempre, clarè.

    Pubblicato da maldimaldive | 31 maggio 2012, 15:37
  4. Adesso ho scoperto che l’aspirina serve pure pe toje l’amarezze daa vita…..MaGGIca Boo!

    Pubblicato da Giuseppe Francavilla | 31 maggio 2012, 15:37
  5. ammazza Boo… hai dipinto popo bbene a situazzione dee riugnoni cndomignali. E si te ‘o dico io che ‘e frequento da tecnico incaricato te poi fidà!! Quanno vado all’assemblee dell’artri condomini pe motivi de lavoro m’ammazzo sempre dae risate, a quelle der condominio mio invece me tocca arabbiamme sempre come ‘na bbestia. Però in nisuna dee due occasioni c’è mai quarcuno che fa’ a crostata co a ricotta… beata te!

    Pubblicato da Supercellets | 31 maggio 2012, 15:37
  6. grande Boo… be’, tutto sommato manco troppo casinari siete, c’è molto de peggio. e a quelle che vado io nun portano manco le crostate.

    Pubblicato da robydick | 31 maggio 2012, 15:37
  7. so surre ali i tua racconti….a boo te stimo na cifra

    Pubblicato da robertta | 31 maggio 2012, 15:37
  8. Bella Boo!uno dei pezzi tua che mè piaciuto popo tanto…..e m ha fatto penzà!

    Pubblicato da barbara spoletini | 31 maggio 2012, 15:37
  9. ammazza abbu’, m’è presa na commozzione ala fine…
    è na robba amara, ‘sta riflessione sur condomigno, eh? io ali condomini der palazzo mio jaa farei legge, poi je sfragnerei er cragno sur compiuter. se volemo tutti tanto bbene, quanno che se tratta de millesimi. pori millesimi.

    Pubblicato da Gaja | 1 giugno 2012, 15:37
  10. Ahò, tu padre me sta sur…… me spiego, no? Pòra bustina, che tristitudine millesimale, oh. ;-))

    Pubblicato da SiRvia | 1 giugno 2012, 15:37
  11. Bella à Boo, Sembra de legge Fantozzi.

    Pubblicato da Uno Sono | 1 giugno 2012, 15:37
  12. Boo, sei avanti na cifra, machetoodicoaffà?

    Tu padre m’ha fatto schiattà co quaa storia der cubbo de congiunzione, me sa che maa rigioco giusta.

    Pubblicato da Mauro | 1 giugno 2012, 15:37
  13. a Boo viette a fa’ un giro all’assemblee dell’Alberone che vedi come se fa’ a scannasse davero!

    Pubblicato da A.B. | 1 giugno 2012, 15:37
  14. a Boo..fortuna che n’ce l’ho er condominio, ciò solo na vecchia che me tira de tutto e mha ‘coppato già du gatti..ma gnente de grave..me piace la svorta ‘ntimistica eh..datte da fà 😀
    ah ma e varvole tiritalle poi ereno da cambià?..

    Pubblicato da dabobabo | 7 giugno 2012, 15:37
  15. Daje Boo! Sei un gran pezzo di scrittrice!!!

    Pubblicato da giordano boscolo | 12 giugno 2012, 15:37

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

piazza qua a MEIL tua si voi l'aggiornamenti mia direttamente pe posta

BlogItalia - La directory italiana dei blog
modificare foto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: