stai a legge...
er passato da mo' che è passato, Vita da Boosta

SE STAVA MEJO QUANNO SE STAVA PEGGIO

Lunedì de pasquetta c’avevo la punta pe vedemme co Sharon e Marusca, che tipo se buttavamo ar parco a pijasse du’ raggi de sole. A punta je l’ho data direttamente ai cassonetti daa monnezza, perché mi’ padre m’aveva caricato su a schiena ‘n CAPPADUE de sacchi e sacchetti co tutti li resti der GENOCIZIO pasquale. Eppoi siccome che mo’ tocca de fa’ a differenziata ma nisuno c’ha mai nzegnato a falla, po esse che ‘n tre ce capimo quarcosa.

–          Qua dentro ce sta na robba che sgoccia, ‘ndo se butta?
–          VABBE’ SE SGOCCIA E’ UMIDO, dice Marusca. – L’OSSI INVECE VANNO NAA PLASTICA, CHE NUN SO’ BIODECRETABBILI.
–          A CROSTA DE FORMAGGIO VA NEI METALLI, dice Sharon, HO LETTO DA NA PARTE CHE CE METTONO L’ALLUMINIO.
–          E er vetro?
Se guardamo.  Er vetro nun c’avemo popo idea.
–          SENTI, FA’ NA COSA, dice Marusca. ER CASSONE DAA CARTA TANTO J’HANNO DATO FOCO. QUELLO DAA PLASTICA STA INTUFATO. BUTTA TUTTO QUA, POI A MALAGROTTA O VEDONO LORO CHE VA DA NA PARTE E CHE DA N’ANTRA. 

Mentre che butto li sacchi, m’accorgo che sur muretto vicino ce sta na spece de libbro.
È ‘n tomone de pelle de quelli che fai na cifra bella figura che da solo te riempie mezza libbreria.
–          Anvedi, ma è n’arbum de foto.
–          CAA DIFFERENZIATA NUN SE CAPISCE GNENTE, dice Sharon, MO’ I LIBBRI ANDO’ SE BUTTANO?
–          A SCEME, STATE ‘NDIETRO COME LE PALLE DER PORCO. AVETE MAI ‘NTESO PARLA’ DER BUK CROSSING? LASCI N LIBBRO DA NA PARTE, UNO SO PIJA E NE LASSA N’ANTRO.
–          Vabbe’ ma queste so’ foto.
–          E SE VEDE CHE MO’ HANNO NVENTATO ER FOTOCROSSING. DAPAURA, MO’ JE LASSO ER BUK FOTOGRAFICO MIO.
–          Davanti alli bidoni daa monnezza?
–          QUELLA E’ A MANDRACATA. PRIMA O POI DE QUA CE PASSENO TUTTI, SI O LASSO N’AGGENZIA CHI ME SE FILA.
Marusca è previdente, gira sempre co na copia der BUK suo da diva perché nun se po mai sape’ che ncontri quarcuno che te fa svorta’. O mette sur muretto, se pija l’arbum e lo inizzia a sfoja’.
–          AMMAZZA CHE SORCI. MA NELL’ANNI NOVANTA SE SPOSAVANO O FACEVANO L’ESPERIMENTI GENETICHI?
Ammolla l’arbum a Sharon, che je da’ na scorza poi dice – VABBE’, ERA N’ANTRA EPOCA, SEGUIVANO A MODA MA A MODA JE DAVA LE PISTE.
Sharon me mette l’arbum nee mano. Ce stanno due che se stanno a sposa’, occhio e croce na ventina d’anni fa.
Ce stanno puro i genitori loro. Poracci, a na certa je devono ave’ detto che li fiji se sposavano, se so’ trovati mpreparati e se so’ messi quello che c’avevano. Fanno ride, però so’ felisci.
O sposo se vede che c’ha occhio, de tutti l’abbiti da cerimonia ha scerto quello che je sta peggio. È sgrazziatello ma dallo sguardo deciso pare che a ste cose nun ce penza, l’importante so’ i valori.
A sposa nell’abbitino suo contenitivo de STRASS pare che sta a di’ famose coraggio, manca poco. Er matrimonio avoja a sognallo, quanno ce stai po esse pure che te pija er cacotto.
Ce stanno pure e foto simboliche, quella de loro tra ‘e fratte co lui che a tiene ‘nbraccio, e quella  n’atomo dopo de lei sporca de tera, che je soride ma già ha capito che a mettese tra le braccia de n’antro er rischio ‘o cori sempre.
Se capisce che l’aspettava ‘nfuturo de grande avvenire. In finale mica te serve d’esse ricco, bello, de vestitte bene, d’avecce li sordi, ‘n lavoro, na casa. L’importante è amasse.
–          AOH, ANCORA LA’ STAI? E ‘NNAMOOO.
E ragazze so’ già n fonno alla strada. Faccio pe molla’ er tomo ‘ndo l’ho preso, quando ciocco la prima paggina e vedo i nomi delli sposi, CIANFARELLA MALISA e CASTROPIETRO ERMANNO, co l’indirizzi de casa rispettivi. Lui sta su a Nomentana, a Cianfarella abbita a duscento metri da li cassonetti.
–          A rega’, ma sapete che…
Arzo o sguardo, e so’ sparite. Sto coso pesa come vent’anni de vita, loro invesce senza zavora vanno na scheggia, leggere come er presente de li mortacci loro che me potevano puro aspetta’.
So’ più vicina a casa Cianfarella che a loro, e me pija de passacce. Er palazzone o conosco de vista, cià pure li cassonetti dinanzi. Ma forze ce sta na regola der FOTOCROSSING che è vietato de posa’ le foto troppo vicino a ndo abbiti.

Ar primo piano ce sta na signora affacciata.
–          CHE PER CASO HAI VISTO MI’ FIJA?
–          No, je risponno.
–          EMBE’ OH, CHE TE AGGITI? GUARDA CHE TORNA, EH. ECCAALLA’, ERA ANNATA A FA’ A SPESA. MALISA, CHE L’HAI PIJATE E PUNTARELLE?
Ariva na cicciona che po esse ar massimo su’ sorella, e pure si so’ passati vent’anni nun pare pe gnente a Malisa dee foto.
–          L’HO PIJATE, FURVIA. QUESTA CHI E’?
–          BOH. TE VOLEVA, SE AGGITAVA CHE NUN VENIVI.
–          MA CHI SEI? CHI TE CONOSCE?
–          Ma guarda che sta a fa’ tutto lei, je dico.
A tizzia ncarne vede er tomo che ciò n mano. Me pija pe na manica e me porta sotto ar portone.
–          STA ROBBA CHI T’HA DETTO DE PIJALLA?
–          Nisuno. Stava ‘n tera vicino aa monnezza, coll’amiche amo fatto er FOTOCROSSING.
–          ER FOTOCHE? AOH TE DROGHI? L’HO BUTTATO IO. A SIGNORA E’ RINCOJONITA, IO SO’ A BADANTE MA SE PENZA CHE SO’ SU’ FIJA. CHE NVESCE HA CANNATO SU’ MARITO E MO’ NISUNO SA ‘NDO STA.
Er brillante avvenire davanti ce l’avevano. Poi però da na corzia laterale s’è ‘nzerita a crisi, lui ha perzo er lavoro e so’ annati a sta’ su a Nomentana, naa casa grande dei genitori de lui. Lei chissà com’è, ha durato poco e ha fatto er vento.
A badante daa sora Furvia in du’ minuti m’ha fatto er riassunto de vent’anni de BRUTTIFUL. A portalli so’ pesanti, a dilli ce vo n’atomo.
Er succo è che senza spicci gnente amore, come dice sempre Ileana quanno discute su a Laurentina pe fa’ er prezzo.

–          QUAA PORACCIA DE SU’ MADRE STA ‘N UN MONNO TUTTO SUO, MO’ ARIVI TE E CHE PENZI DE FA’? SI UNO BUTTA NA COSA, PERCHE’ PENZI CHE POI A RIVOLE ‘ NDIETRO?
E io, che nun so popo che dì né manco più perché me trovo là, dico a prima cosa che me viene ‘n mente.
–          Perché si a volevi butta’ pe davero a buttavi ner cassone, no sur muretto.
A signora me guarda. Poi me strappa er tomo de mano.
–          VATTENE A CASA, VA’.
Me allontano. Dopo n po’ me vorto e vedo ‘a madre de Malisa ar barcone coll’arbum dee foto ‘n mano.
–          HA HA HA! A MALISA, MA CHE CIAVEVI ADDOSSO, PAREVI ‘N CAPPONE! MA TU’ MARITO CO STA CRAVATTA? HA HA HA, MO’ TOO POSSO DI’ EH, CHE FACCIA DA COJONE CHE CIA’ SEMPRE AVUTO ERMANNO TUO.
Er passato, quanno che davero è passato, ce ridi pure sopra. Te vedi vestito come ‘n deficiente, e penzi che stavi mejo pure si stavi peggio.

Mentre torno a casa passo davanti a li cassonetti e ce trovo quelli dell’AMA che stanno a caricasse tutto NDIFFERENZIATAMENTE.
Li vetri der camioncino so’ tappezzati chee foto der BUK de Marusca. Voleva tanto che girassero, mo’ che cor MONNEZZ CROSSING faranno er giro daa circoscrizzione, sarà na cifra felisce.

Torno a casa e trovo mi’ padre che sta a fini’ a corallina iniziata a colazzione.
–          A pa’, ancora che magni?
–          CE O SAI CHE ME NCAZZO A BUTTA’ E COSE.
–          A pa’ senti, ma te foto tue cellai?
–          BOH.
–          E de mamma?
Silenzio.
–          HO BUTTATO TUTTO.
–          Ma che davero?
–          AOH ME STAI A STANCA’. ME CAPISCI SI TE DICO LESTICONI?
–          No.
–          ALLORA VAI A LETTO E NUN ROMPE LI COJONI.

Me butto su a branda sopparcata. O so che sta a di’ na bucia. L’ha detto lui che nun butta via gnente.  Ar limite me ce manna a me, ma io foto alli cassonetti nun l’ho mai portate.
Er passato o poi pure butta’, ma resta sempre vicino a e parti tue.
E mo’, pure si ‘n mezzo a sto bordello nun so ‘ndo sta, o sento na cifra più vicino.

Ve stimo na cifra,
Boosta Pazzesca

Annunci

Informazioni su boostapazzesca

Ciò ventiquattranni e sto de casa ar laurentino pittrentotto, er quartiere de periferia de Roma che ce so’ nata e cresciuta. A famme accetta’ dall’altri ciò provato tanto, ma gnoo fatta. Er probblema è che so npo’ gnorante, a scola nun so’ mai annata bene, e so’ pure bruttarella forte. ‘Na BUSTA, come dicheno da e parti mie. Allora, siccome che per me l’importante so’ i valori, me so’ messa ‘na busta ‘ntesta, e ora ‘na cifra de ggente me segue su FEISBUC. So qualcosista fri lance. Provo a fa’ qualunque cosa pe’ diventa’ qualcosa. Pe’ provacce ce provo, pe’ non riuscicce nun ce riesco. Ve parlo ‘n romanesco che è lunica lingua che penzo de sape’, ma so’ sicura che me capirete pure a Boosto Arsizzio.

Discussione

18 pensieri su “SE STAVA MEJO QUANNO SE STAVA PEGGIO

  1. aò me so ‘mozzionata a busta…ciò pure la corallina che me s’a ripropone..che robba, uno n’ce penza ma pure li ggenitori so esseri umani, c’hai pure ee’risvolto pisicologgico nelli postti..te stimo n’casino..

    Pubblicato da dabobabo | 12 aprile 2012, 15:37
  2. una svoRta commovene, Boo

    bel racconto come sempre!

    Pubblicato da Igor Nobile | 12 aprile 2012, 15:37
  3. me piasci sempre deppiù.. pure accossì sdrocinata!
    e feste se sa so tremende!

    ma se io ancora me sento male guardando come me vestivo che devo fa’?! disci che me passa!?

    Pubblicato da AB | 12 aprile 2012, 15:37
  4. Bellissimo, come sempre! :-))
    aho, e poi imparo finalmente a parlà romano che me piace na cifra!! 😉

    Pubblicato da MacKissey | 12 aprile 2012, 15:37
  5. Boosty, stavolta hai superato te stessa. Brava. Mi hai commosso, e forse è questo che manca in giro, il coraggio di scrivere sentimenti ed emozioni. Sta di fatto, che tra il riso e le lacrime questo è un pezzo che rileggerò ancora con piacere. Un abbraccio tivvubi maldimaldive
    ps. scrivi sceneggiature per le fiction che in giro ci stanno di quei cialtroni annnalffabbbeti che dovrebbero sta a casa a fa giardinagggio o meglio ancora…l’uncinetto :)))

    Pubblicato da maldimaldive | 12 aprile 2012, 15:37
  6. Si ce fosse er BLOGGHE CROSSIN te spargerei pe tutta Ponte Galeria mia!!

    Te stimo Bù!!

    Jacopo

    Pubblicato da anzianotto | 12 aprile 2012, 15:37
  7. Abbù, li morté, nun ce posso più sta senza de te! Te lovvo na cifra pure io, me sto a cappotta’, eh!

    Pubblicato da Gaja Cenciarelli | 12 aprile 2012, 15:37
  8. Me ai comossa da vero. Te sento ‘na cifra più vicino ❤

    Pubblicato da ebrea errante | 12 aprile 2012, 15:37
  9. …ahò e meno male che t avevo detto de divertitte…..invece me vai de malinconia!…però me sò commossa<3

    Pubblicato da barbara spoletini | 12 aprile 2012, 15:37
  10. bello, è un film.

    Pubblicato da Mimosa Martini | 12 aprile 2012, 15:37
  11. che bello boosta! t’ha preso la pasquetta malinconica…

    Pubblicato da alessandra | 12 aprile 2012, 15:37
  12. Reblogged this on Fijidemalagrotta.

    Pubblicato da erciriola | 13 aprile 2012, 15:37
  13. Bellissimo, complimenti. Allegro e malinconico…forse solo il titolo non rende appieno
    Comunque “l’ossi vanno naa plastica” è fantastica me la rivenno!

    Pubblicato da erciriola | 13 aprile 2012, 15:37
  14. sempre er mejo super-boosta! Te penzo un botto!

    Pubblicato da sumundu | 14 aprile 2012, 15:37
  15. bù, c’è n’amaro dentro e storie tue, c’è nsenzo periferico de smania che ogni vorta me fa nbrivido naa schiena. E’ er gelo daa verità.

    Pubblicato da anna segre | 14 aprile 2012, 15:37
  16. “Er passato o poi pure butta’, ma resta sempre vicino a e parti tue”. Me stai a diventà FIROSOFA

    Pubblicato da Ciccio Russo | 30 aprile 2012, 15:37

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

piazza qua a MEIL tua si voi l'aggiornamenti mia direttamente pe posta

BlogItalia - La directory italiana dei blog
modificare foto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: