stai a legge...
Vita da Boosta

ROMA ROSICA , ER TASSINARO NUN VO’ GUIDA’

‘Sto venerdì stavo alla fermata der SETTE E SETTANTASEI già da ‘n oretta, che dovevo anna’ a ROMA TRE pe spizza’ a bacheca dell’esami de febbraio. Co me ce stava Sharon, che nun cià gnente da fa’ allora ha deciso de fa’ l’artista e vo’ scrive ‘n dramma ESISTIZIALE sull’attesa, dar titolo ASPETTANNO RODO’.
– A Sharon, e chi è Rodò?
– RODORFO, L’AUTISTA DER SETTE E SETTANTASEI. AVOJA A ASPETTA’.

Passa ‘n quer mentre Marusca co’ Gerlando, sur motorino.
– ABBELLE, TUTTAPPOSTO? GERLANDO MIO ME PORTA ‘N CROSCIERA STO UICHEND! NAMO A FA’ N GIRO E POI S’IMBARCAMIO STASERA A CIVITAVECCHIA ! VE ABBASCIOOOO.

Sarebbe bello avecce pure noi quarcuno che te da’ n passaggio. ‘Nvesce restamo là n’antra mezz’ora, co Sharon che me parla de corzi e ricorzi storici che se ripetono perché tanto cori e ricori, ma er SETTE E SETTANTASEI nun ariva lo stesso.

– A BOO NDO DEVI ANNA’? MONTA VA’.
Parli de artro e spunta Maurizzio. E mica se ne va, eh.
– Mauri’, nun te proccupa’, mo’ ariva er busse.
– SE, FAI PRIMA A MORI’. DAJE, SARTA SU.
– Vabbè. Te vieni, Sharon?
– NO BOO, LI CORZI E LI RICORZI…
– Bella, Sharon.

Maurizzio o conoscemo bene. ‘o chiamano ER COMMISSARIO DE COCCIO perché quanno era pischello er sognio suo era de entra’ n polizzia, però j’ha sempre detto male all’esami. Na vorta er torace, ‘nantra vorta a schiena, ‘a terza vorta j’hanno popo detto LI COJONI. NO LI TUA, LI NOSTRI CHE CIAI ROTTO.
Mo’ è anzianotto, ma ancora fa ‘o splendido. Se tinge er capello e er baffo de biondo e sfreccia caa FIAT MILLECCENTO sua de li tempi der botto economico.
Er probblema porello, è che Maurizzio è bono e caro, pure caruccio, però parla ‘na cifra. E guida sportivo che manco ALONZO. Parte sgommando e me devo pure tene’ pe nun fa’ a fine dell’ARBR MASGIC.

– A BOO, COME STAMO COMBINATI! CHI SOO CREDEVA. DO’ DEVI ANNA’ OH?
– Roma tre.
– VABBE’, E’ ‘N ATOMO. CERTO, ‘STO TRAFFICO. ‘A GENTE NUN SA GUIDA’. MA QUELLI CHE SO’ SCAPPATI DA REGGINA CELI L’HAI VISTI, SI?
– Ma che c’entra cor traffico, Mauri’?
– TE PARE CHE NUN LI RIPIJAVENO SI SE SCOREVA? NVESCE QUA NUN SE FA ‘N METRO. DAJEEE.
Esce, pija uno a pizze in faccia e poi risale.
 – LO STATO CIA’ ABBANDONATO, BOO.
– A Mauri’, ma era fermo perché er semaforo era rosso.
– QUA DOVEMO SEMPRE STA’ A FASSE GIUSTIZZIA DA SOLI. I METTI ‘N GALERA,  EVADONO. CE LI RIMETTI, EVADONO. STANNO A CASA LORO, EVADONO. ER FISCHIO, EH .
– Mauri’, stai contromano.
– FIDATE, E’ ‘NA SCORCIATOIA DA PAURA. E POI ‘STA CRISI, ‘A DELINQUENZA, MA CHI CE STA DIETRO TOO SEI MAI CHIESTO?
– Dietro de noi ce sta ROMA TRE. A Mauri’, m’hai portato aa SAPIENZA.
– OH SCUSA EH, QUANNO CHE UNO CHIACCHERA. TRANQUILLA CHE COMMISSARIO SPRINT TUO TE RIPORTA AR VOLO. AOH, LA’ CHE STANNO A FA’?
Stamo aa stazzione Termini, li TACSI stanno fermi e nisuno se move.
– E NO! DOVEVANO DA FALLO ER VENTITRE’ O SCIOPERO! CHE E’ STO CASINO? QUA TUTTI FANNO QUELLO CHE JE PARE! A TASSINARI, SIETE LI PEGGIO! DOVEMO DA LIBBERALIZZAAAA’!
– A Mauri’, ndo vai, torna qua.
Nun me sente. Na ventina de tassinari, intanto, je spiegano a sprangate ‘e raggioni daa civile protesta loro.

Ariva a polizzia. – COMMISSARIO BEMBI, CIRCOLARE, CIRCOLARE. AH MBE’ E’ VERO, OGGI NUN CIRCOLATE. VABBE’ LEVATEVE DA SOPRA A ‘STO CRISTIANO, ARMENO.
Maurizzio esce fori da na sarva de gambe, npo’ claudicante.
– ANVEDI. PAJARULO MAURIZZIO, ER COMMISSARIO DE COCCIO! SEMPRE A FA’ DE TESTA TUA EH? ME SA CHE T’HANNO LIBBERALIZZATO ER FEMORE, STA ANNA’ PE CONTO SUO.
Dimenticavo de di’ che pure er cogniome te fa fa’ cariera. Tutti li commissari se chiamano BELLI, BERTI, BEMBI, BETTI. Si te chiami Pajarulo, bene che ti va, te mettono ar centralino.
E rimani ‘o zimbello daa polizzia.

Maurizzio, siccome che purtroppo cià ancora tutti li denti,  vole di’ la sua. – COMMISSARIO BEMBI, LEI ER POSTO SUO SOO CONZERVA PERCHE’ PENZA SOLO A LI PESCI PICCOLI E NUN VA A VEDE’ CHI CE STA DIETRO A ‘E CORPORAZZIONI.  
– BRAVOOO, DIJELOOOO, grida ‘a ggente riunita.

– SO’ LORO LI DELINQUENTI VERI. QUELLI CHE SAA COMANNANO DA DIETRO. E MAGARA STA PURE LEI SUL LIBBRO PAGA LORO.
– AH SI? je fa Bembi, E DIMME NPO’, CHI CE STAREBBE DIETRO A TUTTA ‘STA CACIARA?

Se leva ‘n silenzio de tomba. Maurizzio era dall’anni settanta che nun ciaveva n’ AUDITORIO così.
Pija fiato, se mette ‘n posa e dice
– CE STANNO LI MARSIGLIESI.

Parte n REMICS de risate e pernacchie che pe’ na vorta, tra polizzia tassinari e popolo, paremo tutti ‘na cosa sola.
– A PAJARU’, MAVVATTELLAPPIJA’ NDER CULO VA’.
Moo prendo e moo porto via. Dietro de noi è partito er dibbattito.
– SO’ L’AMMERICANI CHE CE VONNO MORTI.
– MA CHE STAI A DI OH? SO’ LI CINESI, MA N’HAI VISTI QUANTI SO’?

Maurizzio me riporta a casa alle undisci de sera. S’è dovuto ferma’ ar policlinico a fasse medica’. Pure ar ritorno s’è scordato de portamme a ROMA TRE, ma a sto giro nun me so’ sentita de dije nulla.
A Mauri’, te serve quarcosa?
– NO GNENTE, SOLO ‘N GRAFFIO. DAJE, DAMME DIESCI EURO.
– Eh?
– OH, PERCHÉ SEI TE EH. IO ‘A GENTE LA PORTO ‘NGIRO, È ER MESTIERE MIO.
Cioè, fai er tassinaro abbusivo? Per quello che t’hanno pistato.
– IO SO’ FORI DALLI SCHEMI, BOO. NUN STARO’ MAI CO LI MARSIGLIESI. O STATO GNAA FARA’, E IO ME LIBBERALIZZO DA SOLO.
Je do diesci euro e lo faccio anna’ prima che me riparte cor pippone dei marsigliesi.

Li corzi e ricorzi vor di’ che a ‘na certa, senza che fai gnente, tornano li tempi tua.
Er tempo però è passato, e si ner frattempo commissario ce sei rimasto solo de nome,  devi pure da magna’ ‘n quarche modo, si nun voi resta’ ‘n arto mare.
Me squilla Marusca.
– Amo’, sei arivata?
– MADDECHE’, STAMO ‘N ARTO MARE. SAA DOVEMO PURE FA’ A NUOTO.  E’ ANNATA VIA A CORENTE, M’E’ CASCATO ER PROSECCO SULL’ABBITO DA COCTEL, GERLANDO E’ ANNATO A VEDE’ CHE E’ MA NUN TORNA. PERO’ TORNA VE’?
– Eccerto, je dico. – Te pare che nun torna?
Cade ‘a linea.
Beata lei che se sta a diverti’. Armeno pe ‘n pochetto se distrae, che poi quanno che torna stamo de novo tutti su ‘a stessa barca.

Ve stimo ‘na cifra,
Boosta Pazzesca

boostapazzesca.wordpress.com

Annunci

Informazioni su boostapazzesca

Ciò ventiquattranni e sto de casa ar laurentino pittrentotto, er quartiere de periferia de Roma che ce so’ nata e cresciuta. A famme accetta’ dall’altri ciò provato tanto, ma gnoo fatta. Er probblema è che so npo’ gnorante, a scola nun so’ mai annata bene, e so’ pure bruttarella forte. ‘Na BUSTA, come dicheno da e parti mie. Allora, siccome che per me l’importante so’ i valori, me so’ messa ‘na busta ‘ntesta, e ora ‘na cifra de ggente me segue su FEISBUC. So qualcosista fri lance. Provo a fa’ qualunque cosa pe’ diventa’ qualcosa. Pe’ provacce ce provo, pe’ non riuscicce nun ce riesco. Ve parlo ‘n romanesco che è lunica lingua che penzo de sape’, ma so’ sicura che me capirete pure a Boosto Arsizzio.

Discussione

5 pensieri su “ROMA ROSICA , ER TASSINARO NUN VO’ GUIDA’

  1. no vabbè, è ‘na crema ‘sto post, a boo!
    sto a ride come ‘na scema che pure ‘a gatta me s’è ‘mpaurita!

    Pubblicato da Gaja | 20 gennaio 2012, 15:37
  2. a Boosta ,
    sò un tassinaro de quelli che invece j’annava de circola a nun l’ha potuto fa. Tipo che se l’avesse fatto avrebbe fatto la fine der commissario de coccio
    Me sembrava che c’avessi corto ner segno quanno dichi che dietro a tutto sto gran casino c’è quarcos’artro . Ma nun so certo i marsijesi o i cinesi oppuro l’indiani co e frecce e l’archi. No … so i tassinari stessi !!! cioè i capoccia della cagtegoria, che pecorona je va a presso senza pensa , senza volè sapè . alla maggioranza de sti cacaiaroni nun je ne feega un cazzo de mijora er servizio e de liberasse davero, noo liberalizzasse, che quella è nantra storia pe piaesse tutta la torta ar prezzo de du lenticchie.
    Dietro a tutta sta caciara c’è la informazione dei magnaccia , tipo che ne so, i DEbbbenedettisotuttoio, i cartaggironemotefaccionantropalazzo, i dellavalleapianderculo, i montezzemolibellicapelli e tanti artri che daje e daje stanno a sfonna i cojoni e i timpani della povera gente che poi nun ce capisce più un cazzo e se crede che i cattivi so quelli che lavoreno e allora bisogna daje giù.
    Ma questo nun è che uno de tanti esempi de sta repubblica dee banane che invece de piassela coi sfruttatori sa pia co chi lavora onestamente . Cioè è a storia de st’ eterno fascismo itajano che nun passa mai. !!!!!

    Forse fa bene er commissario amico tuo , che sembra un pò er don chisciotte un pò idealista e sognatore, ma poi te ‘ncula i dieci euri come er peggio politico d’accatto.

    Comunque te saluto e spero de ncontratte pe strada……
    A presto ,

    Pubblicato da anderpanzer | 3 aprile 2012, 15:37
    • anderpa’, te vojo bene. so’ purio na vittima der sistema che te ntorta, e nun te fa capi’ davero de chi è a raggione e de chi è a corpa. Così semo tutti spettatori de sto grande teatrino che ce chiedono d’esse partecipi ma poi se fa n modo che ogniuno capisce quello che vole.
      No, tanto pe di’ eh, si no mica so’ sicura che quanno se ncontramo pe strada te fermi. HA HA HA!
      Bacioni da Boosta tua

      Pubblicato da boostapazzesca | 3 aprile 2012, 15:37
  3. Ahahaha sei na grande Bustarellina, ricicla pure che io non li ho letti ancora tutti.

    Pubblicato da marina bianchi | 22 giugno 2012, 15:37

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

piazza qua a MEIL tua si voi l'aggiornamenti mia direttamente pe posta

BlogItalia - La directory italiana dei blog
modificare foto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: