stai a legge...
Li mestieri de Boosta, Vita da Boosta

LEGAMI DE FAMIJA

Ce stanno cose che se tramandano de padre n fijo. Tipo quanno ce stanno lospiti a pranzo e scatta a cerimonia daa pajata, co mipadre sacerdote unico.

ABBELLA DE ZIO, QUANTE’ CHE N TE VEDO? ER RITRATTO DE TU MADRE SEI.

Zio Spartaco ormai cià na certa ma è na cifra splendido, caa coda de cavallo mpomatata e er pizzetto a punta. Nun viene mai a mani vote, oggi pure mha portato tre piante.

SO’ TROPICALI, PRIMA FACEVANO STORIE MA MO’ SE PONNO TENE’, LHA DETTO A CORTE DE TRANSAZZIONE.

A cerimonia daa pajata nun è come quella der te’, che o letto che prima de bettelo poi pure mori’ npar de vorte. Manco er tempo de sedesse che sparischeno li piatti.
Er sacerdote conchiude er rito
VABBE. PURO OGGI AMO MAGNATO. MO SI VE LEVATE DARCA, ME FACCIO PURE A PENNICA.

Partimo co latoradio a palla e se fermamio davanti a n condominio.
Co zio Spartaco scorazzavamo sempre ar laurentino, quann’ero pischelletta. Poi s
è fatto diecianni ar gabbio, dice pe n erore giudizziario. Mo’fa na cifra de lavoretti, sta ner campo dee PABBLIC RELESCIONZ. Se vede che me vo’bbene, cerca sempre de nzerimme nee cose sue. Io vabbe’, pure che nun ce so’ cresciuta nzieme e che o vedo na vorta allanno, so’ felice.

CHE ME PASSI QUER TRONCHESINO A BOO?
Me spiega che e PABBLIC RELESCIONZ so difficili, devi da collega’ le perzone, fa’ i legami, torni a casa te corichi e tu moje manco la vedi.
A VITA MICA SE STUDIA A SCOLA. PIJAME QUER CAVETTO AMO’. AOH MANNAGGIA CHE NTO VISSUTA, PENZA E COSE CHE POTEVAMO FA’.
Me fa locchietto.
A BOO, CE SEI MAI ANNATA A MIGNOTTE?
A zi, so femmina, che ce vado a fa’ a mignotte?
VABBE, E’ TUTTA VITA NO? NAMO VA CHE CIO ARTRI DU LAVORI.
Uscimo dar condominio. Er contatore daa luce uno è attaccato ar contatore due, er filo è quasi nvisibbile. Cia raggione zio, i legami i devi sape fa’.

Dopo npo’ stamo a casa sua. Su moje, zia Nora, manco ce o sapevo che esisteva e parla poco.
A BOO, SENTI NPO BELLA DE ZIO. MA N LAVORETTO ‘NTE SERVE?
Avoja zio, cio’ le pezze ar cuadraro.
ME POTREBBI FA LASSISTENTE. MAGARA VIE NPO’ A STA QUA, TE MPARI ER MESTIERE, TE PASSO QUARCHE SPICCIO, CHE ME DICHI?
Gajardo, si, pero dovrebbi da parla’ co mipadre.
CO TUPADRE CIO’ PARLATO IO. MA DETTO
Sona er telefono. Mi zio collaria splendida sua pija n telecomando e preme ntasto.
ANVEDI BOO, ZIO TUO COME COLLEGA TUTTO? VAI DE STEREO.
Se sente una che nun cia popo naccento itagliano.
PRONTO IO PARLARE CON SPARTACO PREGO.
Mi zio sbianca, zia Nora se inserisce. CHI DEVO DA DI?
IO SONO ILEANA, LA FIDANZATA.
E IO SO NORA, A MOJE.

Du zompi e mi zio sta già all’uscita.
OH VABBE, ALLORA RACCOMPAGNO A REGAZZETTA A CASA CHE SE FATTA NA CERTA.
Mentre che mallontano, sento zia Nora ar telefono co nantro.
SPARTACO NON PUO RIMANGIARE. SPARTACO HA FATTO PROMESSE. SPOSA ILEANA, CAMBIA VITA.
MA LEI CHI È MO?
IO SONO MARITO DI ILEANA.
E ALLORA CHE CAZZO VOI????????

Me riporta sotto casa che sta a tramonta’.
VABBE OH, NE RIPARLAMIO. E PIANTERELLE DAJE LACQUA E TIELLE AR SOLE, CHE MAGARI QUANNO CRESCHENO RIPASSO.
Faccio pe scenne.
TE VOLEVO DI… MA TU MADRE, A SENTI MAI?
Nun so manco ndo sta. Da mo’ che se ne annata.
ERA NA GRAN DONNA. SEI POPO… ER RITRATTO SUO, me dice.
oi forze me voleva di quarcosartro, ma ce ripenza e parte a manetta.

Entro ncasa. Mipadre ncucina spignatta e me guarda strano.
AH. STAI QUA. VABBE, CIAI FAME? STASERA SE CENA LEGGERO, TAJATA CAA RUCHETTA.
A ruchetta me pare famijare. Guardo i vasi de zio Spartaco, so rimaste solo e radici. Quelle so gajarde, legano e piante alla tera e lomini ad artri omini. Come li contatori de zio Spartaco, finchè quarcuno senaccorge e ce da ‘ntajo.

Ve stimo na cifra,
Boosta Pazzesca

Annunci

Informazioni su boostapazzesca

Ciò ventiquattranni e sto de casa ar laurentino pittrentotto, er quartiere de periferia de Roma che ce so’ nata e cresciuta. A famme accetta’ dall’altri ciò provato tanto, ma gnoo fatta. Er probblema è che so npo’ gnorante, a scola nun so’ mai annata bene, e so’ pure bruttarella forte. ‘Na BUSTA, come dicheno da e parti mie. Allora, siccome che per me l’importante so’ i valori, me so’ messa ‘na busta ‘ntesta, e ora ‘na cifra de ggente me segue su FEISBUC. So qualcosista fri lance. Provo a fa’ qualunque cosa pe’ diventa’ qualcosa. Pe’ provacce ce provo, pe’ non riuscicce nun ce riesco. Ve parlo ‘n romanesco che è lunica lingua che penzo de sape’, ma so’ sicura che me capirete pure a Boosto Arsizzio.

Discussione

4 pensieri su “LEGAMI DE FAMIJA

  1. uno zio spartaco ce lo ritroviamo più o meno tutti ai pranzi di famiglia

    Pubblicato da trainspotting | 4 luglio 2011, 15:37
  2. siccome è un periodaccio, economicamente parlando, forse potresti farmi parlare con tuo zio, per certi legami che potrebbero risultarmi utili 😉 poi se sposa ileana INVITAMI! che almeno svolto il pranzo

    Pubblicato da anne riitta | 4 luglio 2011, 15:37
  3. ce lo sapevi che nun ho mai magnato la pajata? m’inviti?

    Pubblicato da chiara | 4 luglio 2011, 15:37

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

piazza qua a MEIL tua si voi l'aggiornamenti mia direttamente pe posta

BlogItalia - La directory italiana dei blog
modificare foto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: