stai a legge...
Vita da Boosta

UNA BOOSTA ALLE POOSTE

Lartra mattina stavo a studia’ lesame de antropofaggia curturale. È ‘n ber mattone, jo dato ‘na scorza. Dovrebbe da tratta’dell’omini che se magnano altri omini, ma seconna dove stai ‘o fanno diverzamente.

Siccome che su GUGOL alla voce “antropofaggia curturale” nun risurtava gnente, me sò messa a legge’ der battero assassino che mo’ nun viene più dai cetrioli. Ma ‘nvece da

L’ANIMA DE LI MEJO MORTACCI SOIA!
me grida mi’padre nell’orecchio facendome ariva’ ar tetto.
È allegro, se lecca ‘ndito unto de spuntatura e mallunga ‘nbollettino.

È ‘NA BELLA GIORNATA, FA CARDO, IO ‘NCIO GNENTE DA FA’… SAI CHE TE DICO? PERCHÉ ‘NTE NE VAI A PAGA’ ER CONGUAJO DER GASSE, COSI POSSO STA’ PE’ CAZZI MIA TRANQUILLO?

Cia’ raggione. Ndo’ vivemo noi, ar Laurentino Pittrentotto, ‘e case so’ piccole. Figurate li scantinati.
Quanno ero pupa ce stava er sole, e ce stava pure mimadre.
Papà soppalcava tutto e ce stava spazzio.
Mo’er sole ce lo ‘mpalla er cartellone daa ferilli, e mimadre se’ squajata quanno a capito che pe ariva’ ar frigorifero je serviva ‘a piccozza.

Alle poste de torpagnotta ce trovo pure Sharon e Marusca. Stanno a fa er VRESTLING co’ na folla de vecchiette avvelenate dar concetto che a penzione, a ‘sto giro, saa scordano.

CE STA ER BACAROZZO ‘NFORMATICO. NUN FUNZIONA GNENTE.
Buttamo e numeretti e se mettemio tutti nfila a spetta’ er miracolo. Sharon prova a nfilasse co NOSCIALANZ, ma e vecchiette n materia de file cianno ncuriculum de fero e se rilassano solo dopo ‘noretta.

ER NUCLEARE SIGNO’, CE VOLE ER NUCLEARE SENNO VA SEMPRE TUTTO NPALLA NOO VEDI?

Pe me ar nucleare devi da sta attento. Quanno è passata ‘a nube der giappone che se semo fatti n par de boccate de iodio, a noi cia’ parato npo’ lamianto der tetto, ma ‘a ferilli sé ‘ngiallita na cifra, ciò fatto caso.
Mo o se fa er RESTAILING, o ce pensa lattacchino a faje l ARCURING.

BRAVA SIGNO’, VOTA DE NO AR NUCLEARE CHE POI QUANNO TARIVA ‘A BOLLETTA NE RIPARLAMO.

Si voi ne riparlamo, ma tanto qua prima che paghi, ‘a corente cia’ staccheno comunque.

Er discorzo se sposta sui cetrioli e su a soia che pure quelli so’ corpa der nucleare.
Marusca, che sé scocciata e sta a anna’ via, me chiede che dovemo da vota’ ar REFERENBUM.
A gente ancora naa capito che deve da vota’ no, cioè che deve da vota si pe di’ de no, perché si vota no ‘nvece è si.

Marusca però è una de monno, su ste cose non la giochi:
A SCEMA, TE SEI FATTA FREGA’. SI È NO È NO, MICA SI. STAMO A VOTA’ MICA A RIMORCHIA’.

Lamiche servono pure a questo.

Tre ore dopo, ‘a tipa doo sportello davanti a me arza locchi dar SUDOCU e guarda er monitor. Poi guarda me.

Prego.

Nun me sentivo così guardata da quanno manno tirata fori da mimadre. Pure lì, manco er tempo de apri’ bocca che manno pijata subito a pizze e buttata da ‘na parte.

Me sento guardata all’artezza daa cintura. Abbasso a capoccia.
Ce sta na vecchietta de ‘nmetro e dieci ar massimo che me guarda afflitta.

CHE ME FARESTI PASSA’? GNA FACCIO PIU’.

Che je voi di’, porella? Me scosto.
A SIGNO’, NDO VA CHE E ARIVATA MO’?
COMODA VE’? STAMO QUA DA STAMMATTINA.
PURIO CIO LOSSA ROTTE SA? MANCO MANNO FATTO SEDE’.

Ariparte er VRESTLING e ‘n quattro sarti so’ travorta e carpestata.
Naa serva de gambe, vedo Sharon cor bollettino ‘n mano, che me guarda e nun sa che fa’.

Prego.

Sharon raddrizza ‘o sguardo e va allo sportello.
Quanno me riesco a arza’, naa vedo più. Poi mariva n’ ESSEMMESSE:
SCUSAME CE STAVA NA CACIARA. SE VEDEMO DOPO AR CENTRO COMMERCIALE?

So’ davanti allo sportello. È er turno mio. Era.
Mi dispiace, il sistema non è più operativo.

Torno a casa che so ‘e tre der pomeriggio passate. Dentro è ‘nsacco buio. Coi piedi ner casino carpesto ‘na cosa che devesse’ mi’padre, cascato ‘mbriaco dalla portrona. Io penzo che me vole bbene, a modo suo me valorizza. Me dice sempre
SI NUN CE STAVI TE, QUA CHI PULIVA?

Torno a studia’ antropofaggia ‘n cameretta. Gia ce sto a capi’ npo’deppiù da stamattina.
Nei paesi piu ESOTICHI so PRAGMATICHI, e te cociono ‘n pentola.
Qui so npo’ piu sopraffini, a pentola naa vedi ma è mejo che ‘nte rilassi.
So’ diete, ma‘nfinale tutti magnano cosa cianno davanti.
E co cetrioli dell’altri so’ boni tutti.

Ve stimo ‘na cifra,
Boosta Pazzesca

Annunci

Informazioni su boostapazzesca

Ciò ventiquattranni e sto de casa ar laurentino pittrentotto, er quartiere de periferia de Roma che ce so’ nata e cresciuta. A famme accetta’ dall’altri ciò provato tanto, ma gnoo fatta. Er probblema è che so npo’ gnorante, a scola nun so’ mai annata bene, e so’ pure bruttarella forte. ‘Na BUSTA, come dicheno da e parti mie. Allora, siccome che per me l’importante so’ i valori, me so’ messa ‘na busta ‘ntesta, e ora ‘na cifra de ggente me segue su FEISBUC. So qualcosista fri lance. Provo a fa’ qualunque cosa pe’ diventa’ qualcosa. Pe’ provacce ce provo, pe’ non riuscicce nun ce riesco. Ve parlo ‘n romanesco che è lunica lingua che penzo de sape’, ma so’ sicura che me capirete pure a Boosto Arsizzio.

Discussione

10 pensieri su “UNA BOOSTA ALLE POOSTE

  1. daje! continua così!

    Pubblicato da cladipa | 8 giugno 2011, 15:37
  2. Mitica Boosta! Te segnalo che magari nun lo conosci, http://books.google.it/ se vuoi fa’ quarche ricerca particolare come quella che hai descritto in apertura der post. Comunque le vecchiette so’ tremende, c’hanno sempre fretta che pare che c’abbiano er monno da salva’, so’ le stesse che te ritrovi a far le analisi alla mattina quando te c’hai da anna’ a lavora’, loro devono anna’ ar mercato o cose simili e nun t’azzarda’ a dije quarcosa che te menano!!!

    Pubblicato da SydneyBlue120d | 8 giugno 2011, 15:37
  3. La tua disavventura ha una morale: Il Batterio Killer in realtà è il Virus Informatico che ha bloccato le poste. Le vecchie sono così incazzate per una questione di cetriolo. Tale cetriolo e la questione a esso legato, le spinge a passare il tempo a rompere nelle file – non devono pagare veramente qualcosa alle poste, è che si sentono sole –
    Conclusione: solo tuo padre ha capito che in realtà tutti noi prendiamo soia per cetrioli. E si guarda bene dal frequentare le poste.
    (tu ci stimi, io t’addoro)

    Pubblicato da anneriitta | 8 giugno 2011, 15:37
  4. ahahah cielo, la ferilli ingiallita XD

    Pubblicato da andrea | 8 giugno 2011, 15:37
  5. Genio. Idolo. Mito.

    Pubblicato da Valentina | 9 giugno 2011, 15:37
  6. ma si nun cera tu padre… eh?

    Pubblicato da chiara | 9 giugno 2011, 15:37
  7. “SI È NO È NO, MICA SI. STAMO A VOTA’ MICA A RIMORCHIA’”.
    Boosta, appena nata e già sei cult!

    Pubblicato da Mimosa | 9 giugno 2011, 15:37
  8. Ti lovvo abbestia…ma abbestia popo!

    Pubblicato da amixxx | 24 giugno 2011, 15:37

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

piazza qua a MEIL tua si voi l'aggiornamenti mia direttamente pe posta

BlogItalia - La directory italiana dei blog
modificare foto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: